È stato un pomeriggio di grande successo il secondo evento di Risorgimarche, il festival voluto e ideato da Neri Marcoré per raggiungere con la musica i luoghi colpiti dal terremoto. La splendida cornice della Domus San Bonfilio di Cingoli, da cui si scorge un panorama mozzafiato sull’intera regione, ha fatto da palcoscenico esclusivo all’attesissima performance di Malika Ayane, una delle artiste più promettenti dell’attuale panorama italiano.

Pensato all’insegna del divertimento e della sperimentazione, il concerto non aveva scaletta: i brani eseguiti sono stati estratti casualmente dal “pentolone” che girava tra il pubblico. Scritte in prevalenza di proprio pugno, arrangiate in musiche mozzafiato, le canzoni hanno rivelato la profonda sensibilità e l’assoluto talento di Malika. Con pezzi cult come l’immancabile “Ricomincio da qui” di apertura e  “Senza fare sul serio” di chiusura, con “Adesso e qui”, “Blu”, “Niente”, alternati a tormentoni quali “Feeling Better” o a cover reinterpretate come “Cosa hai messo nel caffè?” o “La prima cosa bella”, la sua voce suadente e lo stile raffinatissimo hanno allietato la folla di ragazzi, bambini e meno giovani che in migliaia si sistemavano sui prati sotto un sole cocente e un cielo terso, attraversato da una leggera brezza. Tra gente distesa tutt’intorno e gente che continuava ad arrivare, in un flusso continuo di cappellini colorati che non esitava ad arrestarsi, il concerto si è protratto per oltre un’ora, durante il quale la cantante ha interagito col pubblico che l’ha omaggiata per lunghi momenti, con sinceri applausi o cantando al ritmo delle mani alzate.

Davvero numerose – anche oltre le attese – le presenze sul luogo, come si era già registrato ai punti di snodo organizzati dalla protezione civile e dalle forze dell’ordine, dove un servizio bus-navetta trasferiva i partecipanti dal parcheggio a valle all’itinerario pedonale. La folla è arrivata sotto al Cristo delle Marche dopo una lunga camminata sui sentieri tra i boschi e il verde, lungo i quali erano allestiti degli stand gastronomici di prodotti tipici proposti dalle aziende delle zone maggiormente colpite dal sisma.

Apertosi con la presentazione semplice ed entusiasmante dell’organizzatore Neri Marcoré, la chiusura non è stata da meno: all’evento ha fatto seguito un lungo momento di scatti e di scambi con gli ammiratori. L’invito del patron è a partecipare accoglienti e numerosi anche ai prossimi eventi, previsti per oggi per domani, rispettivamente con Daiana Lou e Ron.

Trovate le informazioni sul sito www.RisorgiMarche.it


 

Print Friendly

Comments

comments