Macerata si appresta a festeggiare sabato 8 luglio dalle ore 19.30 la XIX ricorrenza della Croce di Rotacupa con una S.Messa presieduta dal parroco di Santa Croce Don Alberto Forconi e, a seguire, la breve processione alla Croce con l’omaggio floreale nel luogo dove il 5 luglio 1799 venne distrutto la chiesa parrocchiale di Rotacupa istituita dal Vescovo Spinucci (1777-1796) «…che aveva in mente anche una riforma generale dei territori di tutte le parrocchie, senza però riuscire ad attuare il piano. Il cannoneggiamento da parte delle truppe Napoleoniche avvenne dalla spianata antistante l’ex Ospedale psichiatrico da dove i francesi spararono granate, piombo e ferro per otto ore consecutive, senza interruzione, provocando danni incalcolabili e rovine alle mura, alle case ed alle chiese. L’occupazione francese ebbe breve durata. Il 30 luglio furono costretti dalle truppe austro-russe, ad abbandonare Macerata e tutta la regione consentendo alle truppe filo pontificie di prendere il controllo del territorio. Laddove nel 1798 fu creata la Parrocchia dell’Immacolata concezione di Maria (sulla strada di Villa Potenza, nelle vicinanze dove una volta vi era la Chiesetta Galeotti, nella curva che scopre la vallata del Potenza) è stata posta una grande croce metallica per ricordare, oltre alla fondazione della parrocchia, anche l‘incendio della Chiesa di Santa Croce ed il violento Sacco di Macerata e la rinuncia ad ogni forma di dominio, ad ogni violenza, alla promozione della cultura della pace, del dialogo della fraternità…» (da “500 anni di storia e di vita cristiana – La Chiesa di Santa Croce racconta 1505-2005”, Romano Ruffini, Macerata 2006).

Le rievocazioni prendono avvio dal 5 luglio 1999 in occasione dei duecento anni della devastazione della Chiesa di Rotacupa.

Quest’anno la rievocazione sarà accompagnata dalla Birbanda Santacroce di Macerata presente nel panorama musicale cittadino da circa 3 anni su iniziativa di musicisti maceratesi che hanno dato vita a una giovane formazione composta da 20 elementi e diretta dal M° Franco Alfonsi che cura anche gli arrangiamenti musicali.

La Birbanda Santacroce si è esibita in più occasioni per  i mercatini di Natale di quest’anno organizzati dalla Pro Loco Macerata con il concerto di Natale e, recentemente, in piazza Indipendenza per la festa del quartiere e della parrocchia di Santa Croce. Quest’anno si è esibita in concerto con il coro San Francesco di Macerata, animando anche le feste parrocchiali di Santa Maria della Pace, di Sant’Isidoro e di Santa Maria del Monte riscuotendo sempre un ottimo  successo di pubblico per il repertorio di tipo bandistico e per brani di genere swing, pop, colonne sonore di film arrangiati per banda. Il gruppo si è esibito anche in altre manifestazioni della tradizione maceratese come il canto della “pasquella” e l’animazione musicale dell’innalzamento della stella sul palazzo comunale in occasione della rievocazione storica di “San Julia d’ Inverno” organizzata dal CIF, Centro Italiano Femminile, e Comune di Macerata. Il 2 giugno scorso la Birbanda Santacroce si è esibita al Monumento ai Caduti in piazza della Vittoria per le celebrazioni ufficiali del 71° anniversario della Festa della Repubblica italiana.

Print Friendly

Comments

comments

CONDIVIDI
Articolo precedenteEmmeSera. Urbisaglia: al via la stagione del Tau
Prossimo articoloI Pueri Cantores tingono di “blues” piazza della Libertà
Sono nato nel 1970. Oltre agli studi musicali presso il Conservatorio Statale di Musica "G.Rossini" di Pesaro e alla laurea in ingegneria, ho conseguito i diplomi al Co.Per.Li.M. e al corso biennale "Giovanni Maria Rossi" per direttore di coro liturgico della Conferenza Episcopale Italiana. Collaboro con la Sezione Musica per la Liturgia dell'Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana. Sono docente dei corsi di Musica Liturgica On Line e del COPERLIM. Sono vicedirettore dell'Ufficio Liturgico della Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia. Dal 1993 sono maestro direttore della Cappella Musicale della Cattedrale di Macerata.