Torna Symbola: il Festival della soft economy a Macerata e Treia

Tra i temi del ciclo di conferenze: ricostruzione, qualità, innovazione, cultura e coesione per il futuro

0
220

Il 7 e l’8 luglio, al Teatro Comunale di Treia, torna l’appuntamento con il Seminario Estivo promosso dalla Fondazione Symbola insieme a Unioncamere, Camera di commercio di Macerata, Regione Marche e Città di Treia e con il patrocinio dei ministeri della Cultura, dell’Ambiente, dell’Agricoltura e Affari Esteri. Arrivato alla sua XV edizione, il Seminario quest’anno è dedicato al tema “Il senso dell’Italia per il futuro” e come tradizione sarà anticipato dal Festival della Soft economy.

Nella due giorni di Treia si parlerà infatti di innovazione, qualità, tecnologie, di antichi e nuovi saperi, della forza dei territori e della coesione delle comunità, di ricostruzione e identità, dei talenti del Paese. Si cercheranno le chiavi per un rilancio dell’economia con uno sguardo rivolto al futuro. Il Seminario estivo viene inaugurato venerdì 7 luglio mattina con i saluti del sindaco di Treia Franco Capponi e le riflessioni introduttive del Segretario generale della Fondazione Symbola, Fabio Renzi, e proseguirà con la presentazione del rapporto “I.T.A.L.I.A. Geografie del nuovo made in Italy” di Fondazione Symbola, Unioncamere e Fondazione Edison. Un lavoro che ci porterà in viaggio tra i tanti nostri talenti grazie al quale scopriremo che l’Italia sa essere innovativa, versatile, creativa, reattiva, competitiva e vincente. Soprattutto sui mercati globali.

La quinta edizione del Festival della Soft Economy – promossa dalla stessa fondazione Symbola e dal Consorzio Aaster in collaborazione con Comune di Macerata, le Università di Camerino e di Macerata, l’Istituto Confucio e il China Center – inizierà invece il 4 luglio a Macerata con i saluti istituzionali e, dalle 14.30 alle 19, con la sessione “Ambiente e cultura sulla nuova via della seta”, una tavola rotonda per mettere a fuoco lo stato dell’arte e le importanti potenzialità di sviluppo della collaborazione italo-cinese, in particolare in campo culturale e ambientale, ancor più importante dopo la decisione di Pechino di continuare a perseguire gli accordi sul clima di Parigi.

Il Festival della Soft Economy proseguirà il 5 e 6 luglio a Treia con plenarie e convegni tematici su rigenerazione territoriale e ricostruzione; aree interne come laboratori di sperimentazione di sviluppo sostenibile e green community; identità e cultura; appunti per il padiglione italiano alla Biennale di Architettura di Venezia 2018. Dov’era come sarà è il titolo della plenaria di mercoledì 5 mattina, dalle 9.30 alle 13, presso il Teatro Comunale di Treia, dedicata alla sfida di una ricostruzione che prima di tutto è un progetto di rigenerazione territoriali di quello “spazio urbano” che per secoli è stata la montagna italiana, prima di una modernità che l’ha condannata alla marginalità.

Il programma integrale del Seminario Estivo e del Festival della Soft Economy è disponibile sul sito di Symbola, al seguenti link: www.symbola.net/html/agenda/seminarioestivo2017.

Print Friendly

Comments

comments