«Parole&Nuvole»: Lorenzo Marsili ospite del terzo appuntamento

Giornalista e fondatore della Ong European Alternatives, parteciperà all'evento del 20 giugno

0
126
Marsili e Varufakis

giunge al suo terzo appuntamento “Parole&Nuvole” – dopo il fortunato incontro con lo scrittore Francesco Recami, sempre alla ricerca del senso della parola capace di indagare la realtà, di definirla, di gridarne le storture e di operare per migliorarla, capace insomma di fare le storia e di esercitare la democrazia. Questa volta saranno al centro dell’incontro le parole di un personaggio giovane impegnato e sempre in prima linea per difendere tutti coloro che amano la democrazia. Si tratta di Lorenzo Marsili, giornalista e fondatore della Ong European Alternatives, che racconterà la sua esperienza politica e sociale attraverso il suo libro Il terzo spazio, oltre establishmenti e populismo, scritto a quattro mani con un compagno d’eccezione, ovvero il ministro greco emerito Yanis Varoufakis, a Porto Sant’Elpidio, presso gli spazi di Villa Baruchello, martedì 20 giugno alle ore 21.15.

Romano, classe 1984, Marsili ha studiato filosofia alla University of London, e, una volta laureato, ha formato un gruppo di pensiero postanalitico, in rottura con la filosofia analitica, da lui ritenuta espressione delle classi dominanti nel mondo anglofono. È stato tra i fondatori di Naked Punch, rivista di cultura contemporanea che usa la parola per approfondire, in tutte le sue sfaccettature, la rottura della società odierna con la cultura dominante, e che ha avuto come sostenitori intellettuali del calibro di Noam Chomsky, Gayatry Spivak e Jacques Ranciere.

Dopo un’esperienza in Cina, ha maturato un profondo pensiero transnazionale, che ha concretizzato nell’organizzazione di un programma di interscambio tra Europa e Cina dal titolo Transnational Dialogues e nella creazione, nel 2009, della Ong European Alternatives, che ha tra i suoi principi fondanti la diffusione della cultura democratica in tutti gli stati europei attraverso spazi dedicati alla parola, al dialogo tra cittadini di paesi differenti, all’espressione e condivisione degli avvenimenti all’interno degli stati e dei valori che i singoli vi mettono in gioco, al fine di sviluppare la consapevolezza della realtà e la partecipazione concreta alla crescita umana, sociale e politica dell’Ue.

Nel 2016 ha fondato, con il professore di economia prestato alla politica greca Yanis Varoufakis, il movimento politico paneuropeo Diem25, la cui riflessione vuole la riforma dell’Unione europea per rendere lo spazio del Mediterraneo una terra a misura d’uomo, dove il governo sovranazionale condivide le proprie riflessioni e le volontà di cambiamento riguardo la cosa pubblica con tutti i cittadini dell’Ue, e il proprio potere decisionale con le entità nazionali, regionali e municipali, in un movimento unitario di condivisione dell’informazione e costruzione di democrazia realmente partecipata.

A “Parole&Nuvole” Marsili racconta la sua visione del futuro dell’Europa attraverso il volume “Il terzo spazio“. Oltre establishment e populismo, che affronta una grande quantità di temi, quali la fallacità del vecchio progetto Ue, la necessità di usare la parola per costruire una riflessione condivisa (che si concretizzi in una richiesta di riforme) che guardi all’avanzata del nazionalismo non come ad una soluzione, ma come parte del problema europeo di incapacità di assorbimento delle culture non europee, e, infine, la lotta politica e le occasioni possibili per risolvere i problemi economico-sociali del territorio europeo.

Print Friendly

Comments

comments