Per i ragazzi nascono opportunità di divertimento sano e consapevole.
Innanzitutto la “Ludoteca” dedicata ai ragazzi tra gli 8 e i 14 anni. Grazie agli spazi messi a disposizione dalle parrocchie di Sambucheto e Montecassiano i giovani potranno incontrarsi e svolgere numerose attività ricreative tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, sia al mattino che al pomeriggio (negli orari 8.30 – 12.30 e 16.30 – 19.30) fino a settembre. Per la prima volta, poi, è stato organizzato il “Centro estivo stanziale” nei locali della scuola primaria di Sambucheto (la cui palestra, recentemente, è stata impreziosita con la maxi opera d’arte firmata Morden Gore su una delle facciate) dove sono accolti i bambini della scuola dai 6 agli 11 anni (dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 16.30) fino a fine mese.

Tutte le attività proposte sia all’interno della Ludoteca sia nel Centro estivo stanziale sono realizzate in collaborazione con l’associazione Uisp (Unione italiana sport per tutti). Dalla pallavolo al calcio, dal parkour al basket numerose sono le offerte per i ragazzi che saranno seguiti attentamente da operatori professionisti. Un modo, questo, anche per avvicinare i giovanissimi a una molteplicità di discipline sportive a cui si affiancheranno diverse altre attività (ludiche, pittoriche e didattiche come i giochi in inglese).

Infine, per tutto il mese di luglio, dal lunedì al venerdì, i ragazzi potranno giocare in spiaggia in uno stabilimento balneare di Potenza Picena grazie alla “Colonia marina pendolare”. Ad oggi si sono già iscritti più di 200 bambini, tra i 6 e i 16 anni. La Colonia marina pendolare sarà gestita direttamente dal comune con gli assistenti dell’ente.

«Abbiamo lavorato molto – ha spiegato l’assessore ai servizi sociali, Katia Acciarresi – per mettere in campo un ventaglio quanto più eterogeneo di attività in modo da venire incontro alle diverse esigenze delle famiglie. Abbiamo un’attenzione particolare verso le giovani generazioni che rappresentano il nostro futuro e anche per questo motivo gli operatori che seguiranno i ragazzi sono qualificati e motivati. A tale proposito voglio ringraziare chi ci ha aiutato nell’organizzazione e tutti gli operatori, augurando loro un buon lavoro».

Print Friendly

Comments

comments