Urbisaglia festeggia la Repubblica con i ragazzi del ’99

Allestita una mostra che raccoglie foto e documenti riguardanti la classe 1899, ma anche le foto e i racconti dei giovani del 1999

0
106

È ormai una tradizione per il Comune di Urbisaglia – in collaborazione con la sezione locale dell’Anpi – consegnare il giorno della festa della Repubblica la Costituzione italiana ai diciottenni residenti nella città. Quest’anno lo è in modo del tutto particolare. I ragazzi del ’99 sono sì i nostri diciottenni, ma anche i diciottenni che cento anni fa, nel 1917, dopo la disfatta di Caporetto furono chiamati nelle trincee del Carso e che contribuirono in maniera determinante a fermare l’offensiva nemica e poi a contrattaccare vittoriosamente giungendo alla fine di quella che è stata definita la Grande Guerra.

«Ci è sembrato significativo – ha spiegato Giovanna Salvucci, Presidente dell’Anpi di Urbisaglia – mettere a confronto queste due generazioni di ragazzi nati e cresciuti ad Urbisaglia, allestendo una mostra che raccoglie foto e documenti riguardanti la classe 1899, ma anche le foto e i racconti dei giovani del 1999». Nel 1899 ad Urbisaglia nacquero 83 bambini: 51 femmine e 33 maschi. Nella Lista di Leva dei giovani nati nell’anno 1899, chiusa dal Sindaco di Urbisaglia nel gennaio 1917, risultano 29 iscritti, di cui 13 giovani che non erano nati nel paese, ma ci si erano trasferiti nel corso degli anni. Diciotto di loro, appena compiuti 18 anni, furono arruolati e mandati in guerra.

Molti erano contadini e coloni, alcuni carrettieri, falegnami, sellai: il titolo di studio consisteva nel saper leggere e scrivere. Giovani che probabilmente non avevano mai lasciato Urbisaglia e che si trovarono catapultati nella Storia tragica della guerra. Grazie alla loro forza e al loro entusiasmo le sorti della guerra cambiarono e da allora sono rimasti un simbolo di rinascita per il nostro Paese. I ragazzi del 1999 non partiranno per la guerra e potranno progettare il presente e il futuro. Alessio, Sara, Sofia, Laura, Daria, Samuele, alcuni dei diciottenni urbisagliesi, hanno parlato delle loro passioni e di come trasformarle in un lavoro. Hanno mostrato di non volersi accontentare di un lavoro qualsiasi, ma di impegnarsi per ottenere la realizzazione dei loro sogni.

Ma se i ragazzi che vivono in Europa oggi possono sognare, affermare i loro diritti, essere protagonisti delle loro scelte, anche grazie alle conquiste di chi li ha preceduti, grazie ai settanta anni di pace costruiti a partire dalla nostra carta costituzionale. La cerimonia della consegna della Costituzione si terrà nel loggiato comunale venerdì 2 giugno dalle ore 10.30 con il saluto del Sindaco e l’inaugurazione della mostra “I Ragazzi del ’99”, illustrata da Giovanna Salvucci, Presidente dell’Anpi di Urbisaglia, e da Silvano Fazi. La Mostra potrà essere visitata fino a domenica 11 giugno presso il Loggiato “A. Pantanetti di Urbisaglia”.

Urbisaglia i ragazzi ’99 (Augusto Canzonetta e Nicola Biondi. Foto a destra di Stefano Diomedi).

Lista di leva 1917 

Abile e arruolato (particolare tratto dalla Lista di Leva 1917)

Foto in evidenza: Sigismondo Piccinini (nato a Urbisaglia il 05/06/1899, Arruolato 05/06/1917 nel 5° Reggimento Artiglieria da Fortezza Gruppo Venezia, venne inviato al fronte il 2 novembre 1917 con il 3° Reggimento sempre di Artiglieria da Fortezza. Venne congedato il 26 febbraio 1921).

Print Friendly

Comments

comments