Il Gigli Opera Festival debutta nell’affascinante cornice del cortile di Palazzo Venieri con le opere messe in scena da Villa InCanto con l’apprezzato format giunto all’8° edizione. Il cortile dello storico palazzo del XV secolo accoglierà la lirica sotto il cielo stellato nei 4 mercoledì estivi tra luglio e agosto. Apre il cartellone il 26 luglio “il Barbiere di Siviglia” in replica il 16 agosto, poi il 2 agosto “Tosca” e il 9 agosto “Carmen”.

L’iniziativa Gigli Opera Festival è stata presentata nella conferenza stampa organizzata all’interno del museo dedicato al tenore recanatese dove sono intervenuti il sindaco di Recanati Francesco Fiordomo, il direttore artistico Riccardo Serenelli, l’assessore alla Cultura Rita Soccio e il responsabile marketing della Riviera del Conero Massimo Paolucci. Per il sindaco di Recanti Francesco Fiordomo il format Villa InCanto è un modo nuovo di seguire la lirica che avvicina nuovi interlocutori, spesso giovani, e permette un’interazione molto forte con i cantanti e l’Opera. Il Gigli Opera Festival grazie a di Villa InCanto, secondo Fiordomo, è il modo migliore per ricordare il Beniamino Gigli sia a Recanati sia nelle altre città del mondo dove è stata esportata questa iniziativa.

Il Direttore artistico Serenelli ricorda i molti giovani artisti della lirica che hanno avviato la loro carriera da Recanati grazie a questa iniziativa perché l’intenzione è quella di creare nuove generazioni del canto classico che possano affermare con orgoglio di essere ambasciatori di Recanti e di Gigli nel mondo. Recanati e il Gigli Opera Festival possono contare sul supporto della Riviera del Conero con le sue tante presenze turistiche interessate ad esplorare anche l’entroterra e le iniziative. Per Massimo Paolucci una destinazione turistica d’eccellenza come il Conero, necessità d’iniziative d’eccellenza e su questo presupposto ci sarà il supporto sulla parte della comunicazione e del trasferimento dei turisti a Recanati con apposite navette.

La Soccio evidenzia il salto in avanti sul piano culturale grazie ad un Festival dedicato al grande tenore che non si esaurisce nelle 4 serate, ma interessa un pubblico sempre più ampio, l’Accademia lirica di canto Beniamino Gigli con i suoi cantati emergenti e coinvolge i giovani delle scuole locali che possono conoscere un mondo a loro spesso distante. L’Assessore si sofferma poi sulla location che in questi giorni è oggetto di lavori che ridaranno una veste autentica al cortile dello storico palazzo per renderlo pronto a questa e altre iniziative.

Per partecipare alla serate informazioni e prenotazioni telefonare al numero 348 2976471, oppure consultare il sito: www.villanincanto.eu (prevendita su www.liveticket.it/villanincanto).

Print Friendly

Comments

comments