Emerge la forte preoccupazione nei cittadini che hanno preso parte al corteo di sabato 27 maggio in difesa dei servizi sanitari dell’ospedale Santa Lucia di Recanati. Una protesa messa in campo per tutelare il diritto alla salute che punta il dito anche contro il sistema sanitario regionale, oggetto di una riorganizzazione che desta nella comunità locale grande malumore, dunque alimentando di conseguenza timori. Quello di sabato è il secondo corteo in pochi mesi che parte dal nosocomio Santa Lucia per arrivare in piazza Giacomo Leopardi sfilando per le vie del centro storico, e questa volta sotto lo sguardo anche di numerosi turisti.

La preoccupazione maggiore dei cittadini riguarda il Punto di emergenza che diventa Punto di Assistenza Territoriale rischiando dunque di essere inadeguato per il bacino territoriale molto ampio visto che ora tutto viene centralizzato su Civitanova Marche che ha dimostrato di operare in forte sofferenza. I cittadini di Recanati, Cingoli, Tolentino e tutti i centri limitrofi, da tempo chiedono di non spogliare gli storici presidi ospedalieri locali dai servizi essenziali che sono stati trasferiti in ospedali più distanti dove i tempi per prestazioni nel campo della diagnostica e della cura diventano inaccettabili.

Il corteo organizzato dal Comitato a difesa dell’ospedale Santa Lucia si è mosso alle ore 18 dai cancelli dell’ospedale cittadino dove sono stati distribuiti circa 1000 fazzoletti bianchi con il nuovo logo “Ospedale Rinascita”. Bandiere di sigle sindacali, striscioni con messaggi per il diritto alla salute e una piccola banda sono confluiti in Piazza Leopardi ordinatamente, mettendo insieme molte famiglie, lavoratori del sistema sanitario pubblico, anziani e una rappresentanza eterogenea della comunità che sembra non digerire e addirittura subire negativamente questi tagli e questa riorganizzazione.

Alla manifestazione hanno aderito diversi consiglieri regionali, sindaci del territorio, insieme a varie associazioni e imprese private locali. I Sindaci che hanno manifestato condivisione al corteo sono Roberto Mozzicafreddo (Porto Recanati), Carlo Carnevali (Montefano), mentre hanno partecipato e parlato sul palco in piazza Leopardi: il sindaco Giuseppe Pezzanesi (Tolentino), Francesco Acquaroli (potenza Picena) e Filippo Saltamartini (Cingoli). All’accorato appello dei sindaci sono sono seguiti gli interventi dei consiglieri regionali: Sandro Zaffini, Giovanni Maggi, Elena Leonardi e Sandro Bisonni ai quali si aggiunge la condivisone anche del consigliere Zura Puntaroni non presente.

I punti toccati dai vari interventi hanno spaziato dalla necessità di garantire presidi sanitari pubblici adeguati e capillari ubicati sulla base di precise valutazioni, al significato di democrazia anche come la capacità di rendere le decisioni revocabili quando si evidenziano sbagli nel riassetto sanitario. Poi la mancanza di rappresentanza che difende un territorio come le Marche che risulta hai primi posti in Italia per produzione di ricchezza data dall’industria, mentre si offre ad una risposta sanitaria pubblica di “serie B”.
Infine da tutti gli interventi emerge forte l’appello a restare uniti e non mollare la protesta senza arrendersi contro un sistema che, a quanto sembra, si muove su logiche distanti dall’idea di garantire il diritto alla salute.

Nelle fila dell’associazionismo e del privato, il sostegno dell’Avulss Recanati, la Cooperativa Terra e Vita, le maestranze delle ditte Ottaviani e l’impresa Valenti, la Green line e la Confartigianato di Recanati. Nel corteo presente anche una delegazione dell’Hotel House guidata da Mustafà Diop. Durante la marcia le testimonianze di Cgil Funzione pubblica di Macerata, i comitati pro ospedale di San Severino Marche, quello di Civinatova Marche e Recanati insieme al Tribunale diritti dei malati. Il comitato proseguirà la protesta che mira a mantenere e potenziare il Punto di emergenza del Santa Lucia e chiedere il ritiro della delibera regionale 139/2016 con la quale si trasforma la struttura sanitaria in ospedale di comunità, cioè in casa di riposo.

Manifestazione A Recanati – Foto Alessandro Carlorosi

Flickr Album Gallery Powered By: Weblizar
Print Friendly

Comments

comments