Rivivere il 1353: «Dominus fra’ Moriale, entro le mura»

Lo spettacolo è in programma il 2 e il 3 giugno

0
178

Circondato da Comuni ben più grandi, il borgo di Montelupone emana un forte appeal che non si basa soltanto sui suoi rinomati carciofi, mieli o pizze, ma soprattutto sulla conservazione di una integra struttura architettonica medievale, entro una cinta muraria ancora intatta e ben distinta da ogni edificazione successiva. Non a caso, insieme a Piobbico, Montelupone fu il primo Comune marchigiano a essere designato tra I Borghi più belli d’Italia. Tale considerazione ha spronato gli amministratori, e in particolare l’assessore Orietta Mogliani, a promuovere e realizzare una particolare rievocazione notturna, ambientata nelle piazzette e nei vicoli intra-moenia, che si terrà nelle serate del 2 e del 3 giugno, dalle ore 19 alle 24. La vita sarà calata in anno domini 1353, quando Fra’ Moriale in persona governava il luogo e da lì dirigeva il suo esercito privato fatti di mercenari. Sono pronti oltre cento figuranti, mentre gli atelier sfornano costumi a gogò e l’Asd Ferreo Core perfeziona la “sceneggiatura” dinamica.

L’intero borgo sarà popolato da musici itineranti, danzatrici, spadaccini soldati e guardie, giullari e sputa fuoco, cavalieri e cavalli a disposizione anche di bambini, donnine facili e mattacchioni, frati, giudici, mercanti e quant’altro, insomma un completo set in movimento che accoglierà centinaia di visitatori invitati ad interagire. Ecco, l’interazione sarà la caratteristica distintiva delle due serate: la gente potrà sostenere Ubaldo o fomentare la rivolta, il tutto attraverso la destinazione di monete di ferro guadagnate o perdute a seguito di innumerevoli mission da portare a termine in uno scenario davvero sorprendente e gioioso. Non mancherà il mercato medievale con antichi mestieri e bancarelle storiche, mentre locande e taverne proporranno menù a tema. Per gli appassionati di calcio, che non vorranno perdersi la grande finale del 3 giugno, sarà allestito un maxi schermo nella palestra della scuola adiacente la piazza.

Print Friendly

Comments

comments