Tra il 20 e il 21 maggio si sono tenute a le prove ufficiali e le gare automobilistiche che hanno posto gli oltre 220 piloti provenienti da tutta la penisola a dover scontrarsi non solo fra di loro per conseguire il primo premio ma anche contro le condizioni atmosferiche. Infatti nella prima giornata di prove il maltempo ha rappresentato un grosso ostacolo per tutti i partecipanti, che sono stati aiutati dall’ Automobile Club Maceratese. Marco Rogano, direttore generale dell’Acisport, ha lodato l’eccellente organizzazione di quest’anno e le capacità sportive dei piloti, sottolineando come unica nota di demerito tali condizione piovose.

Il vincitore, Simone Faggioli, rimasto in svantaggio nelle fasi di prova proprio a causa della pioggia, ha prevalso durante l’effettiva competizione, aiutato dalle condizioni meteo favorevoli, vincendo così per il quarto anno consecutivo e scrivendo un nuovo record di 3’42”97, migliorando di ben un secondo il precedente. Christian Merli, che aveva avuto la meglio nelle fasi preparatorie, si è classificato secondo. La categoria femminile chiamata “Coppa delle Dame”, ha visto la milanese Rachele Somaschini vincitrice, mentre la categoria under 25 è stata vinta dall’umbro Giovanni Rampini.

Durante la premiazione Rogano ha dedicato un plauso alla sensibilità espressa dagli organizzatori riguardo alle difficoltà che il comune ha attraversato a causa del sisma e delle abbondanti nevicate del mese di febbraio. Infatti la Scuderia Speed Motor di Gubbio, principale organizzatore dell’evento, ha offerto il ricavato di una raccolta fondi al Primo cittadino Franco Ceregioli per sostenerlo nel ripristino delle infrastrutture rimaste danneggiate.

Aldilà del puro interesse sportivo ricordiamo: la presenza del veterano della prima edizione risalente al 1969, Salvatore Leone Patamia, che è accorso come ospite per rievocare i momenti di gioventù e di amicizia passati su quelle strade; e il contributo del Fotoclub Diaframmazero di Tolentino che ha allestito una galleria immortalando le immagini dell’arrivo dei piloti al traguardo.

Print Friendly

Comments

comments