Il capo gabinetto del Presidente del Consiglio Regionale, Daniele Salvi, ha introdotto e coordinato gli interventi di Emanuela Balelli e Giuseppe Trivellini, rispettivamente Presidente e Segretario del Centro Studi Carlo Balelli per la Storia della Fotografia. Il libro “Obiettivo sul fronte” è il catalogo dell’omonima mostra, allestita a Macerata e a Roma nel 2015, e recentemente a Modena nel 2016. Il progetto è stato sostenuto in gran parte dalla Regione Marche, è stato supportato da un Comitato Scientifico e curato da Gabriele D’Autilia, Emanuela Balelli, Giuseppe Trivellini, e Nicola Di Monte.

In circa trenta minuti Emanuela Balelli ha illustrato la genesi del volume, il particolare racconto di suo padre fotografo di guerra, e l’unicità del fondo, il quale rappresenta il punto di vista di un fotografo militare, primo operatore di diverse Squadre Fotografiche al fronte, ma anche di un fotografo professionista, che firma col suo stile e la sua poetica ogni scatto. Trivellini ha invece posto l’attenzione sulla formazione, militare e artistica, di Carlo Balelli, e sulla struttura del catalogo, illustrandone l’apparato iconografico e i contributi a supporto e a completamento delle immagini. Attenzione anche sui diversi componenti della dinastia dei fotografi Balelli, di cui Carlo Balelli è stato l’ultimo è il maggiore esponente.

«Obiettivo sul fronte»: la Grande Guerra di Balelli al Palazzo Ducale di Modena

Print Friendly

Comments

comments