Sanità. Presentato il «Progetto Marte»

L'assessore Bora: «Nuovi modelli finanziari per aumentare gli interventi”. Cinque le strutture sanitarie beneficiarIe dell’opportunità offerta da Marte»

0
85

“Progetto Marche” un’iniziativa europea finanziata dal programma Intelligent Energy Europe – Iee, nella sezione Mlei Pda (Mobilising Local Energy Investments – Project Development Assistance) finalizzata a mobilitare investimenti nel settore energetico, a livello locale, dando assistenza allo sviluppo del progetto. Si chiama “Marte” e sono cinque le strutture sanitarie marchigiane che miglioreranno la propria sostenibilità energetica grazie ai 12 milioni di euro assicurati dal progetto: tre ospedali (Urbino, Pergola, San Benedetto del Tronto) e due presidi (Petritoli e Sant’Elpidio a Mare).

L’assessore regionale Manuela Bora

«Il settore della salute è considerato di importanza strategica per la riduzione dei gas serra. La quantità di energia richiesta per il funzionamento delle sue strutture sanitarie, infatti, ne fanno uno dei settori con il maggiore impatto ambientale», ha sottolineato l’assessora alle Politiche comunitarie, Manuela Bora, nel saluto inviato ai partecipanti al seminario. «Mancano i mezzi economici per sostenere molti buoni interventi e il progetto Marte ha questo obiettivo. Ci auguriamo che l’esperienza di Marte venga replicata in altre strutture sanitarie e in altri settori».

Il seminario di Ancona era destinato ai professionisti del settore privato e ai manager delle strutture sanitarie regionali pubbliche, oltre al personale tecnico degli enti locali. Promosso in collaborazione con “Events”, ha concluso il ciclo di incontri che si sono svolti anche a Urbino e a San Benedetto del Tronto. Il partenariato di Marte, operativo da marzo 2014 a ottobre 2016, comprendeva cinque soggetti: Regione Marche, Asur (Azienda sanitaria regionale,), Aess (Agenzia per l’energia di Modena), Univpm (Università Politecnica delle Marche), Siais (Associazione nazionale per l’architettura e ingegneria nel settore della sanità).

Print Friendly

Comments

comments