Torna, dal 9 al 13 maggio, l’appuntamento con la Festa dell’Europa organizzata dall’Ufficio Politiche Europee del comune di Macerata in collaborazione con la Pro Loco e con la partecipazione dell’artista Stefano Calisti. Oltre che con il consueto programma, quest’anno l’Amministrazione comunale intende festeggiare con un motto, celebrando i 60 anni del Trattato di Roma e i 30 anni del programma Erasmus.

Il programma della manifestazione, arrivata felicemente e con successo alla sua undicesima edizione, è stato illustrato proprio oggi dall’assessore alle Politiche europee e alle Politiche giovanili Federica Curzi. Presenti, oltre all’artista, anche il presidente dell’Erasmus Student Network di Macerata, Ilir Hetaj, la vice presidente ESN nazionale, Serena D’Amato, Camilla De Felice della Uisp, Sara Spreca e Dorianna Cavaliere dell’ufficio Politiche europee del Comune assieme a Paolo Bruzzesi, ideatore della nuova grafica e curatore dei social e web media.

«Inizia il secondo decennale della Festa dell’Europa – ha affermato Curzi – e con esso, Eugenio, il personaggio che ha contraddistinto fin qui la grafica ideata per l’occasione è andato in pensione. Al suo posto una nuova mascotte a cui presto sarà dedicato un contest per battezzarla». L’assessore Curzi, sottolineando i punti di vita della festa e ricordando il motto unita e accogliente, ha parlato della collaborazione con Calisti quale ambasciatore di Macerata in Europa grazie alla sua arte. Incoraggianti i numeri dell’evento che animerà Macerata nelle prossime settimane: saranno infatti 73 i locali aderenti agli Aperitivi europei, 25 i Paesi che verranno rappresentanti e 10 le attività che si distingueranno per l’unicità della nazione rappresentata e ai quali andrà una menzione speciale da parte della giuria tecnica di qualità.

Dal punto di vista organizzativo, l’assessore ha annunciato inoltre che ci «saranno, rispetto agli anni precedenti, 400 posti auto in più oltre a quelli offerti dal parcheggio centro storico. Verrà aumentato anche il servizio di controllo così come il numero dei bagni chimici».

Nel dettaglio, è stato presentato poi il programma della manifestazione, ricordando in primis che il programma Erasmus compie 30 anni. Si tratta di un anniversario importante per una grande storia di successo dell’Europa. Per questo, lunedì 9 maggio, alle ore 18, in piazza della Libertà, accogliendo l’appello dell’Unione Europea e dell’Anci, ci sarà M’illumino d’Erasmus. Verranno festeggiati, alla presenza del sindaco Romano Carancini, del rettore Francesco Adornato e di altre autorità locali e regionali, i trent’anni del Programma Erasmus, mentre alle ore 20 verrà illuminata di blu la Torre Civica. Per quanto riguarda la tradizione degli Aperitivi europei. Grazie agli esercenti che ogni anno aderiscono e si impegnano in modo creativo sarà possibile fare un viaggio alla scoperta dei sapori dell’Europa per apprezzare il patrimonio culturale e le tante tradizioni dell’Unione Europea. Anche in questa edizione è stato indetto un concorso per valutare gli aperitivi preparati: tutte le info sono disponibili nel sito della Festa.

Per ricordare invece la ricorrenza della firma dei Trattati di Roma, considerati, è noto, come uno dei momenti storici più significativi del processo di integrazione europea, all’interno del progetto Aport Antenne, relativo alla lotta alla discriminazione razziale, a cui aderisce anche la Uisp, mercoledì 12 maggio, alle ore 10, nella sala convegni Banca Marche (via Padre Matteo Ricci), si terrà il convegno «Unita ed accogliente: dialogo sull’Europa a 60 anni dai Trattati di Roma», con la partecipazione di Massimo Valeri, Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale, Vaifra Palanca, Ministero dell’Interno, Natascia Mattuci (UNIMC) e, in veste di moderatrice, Camilla De Felice. Infine, i partecipanti alla Festa dell’Europa potranno esprimere la propria opinione e dare la loro visione di Europa grazie al Libro bianco, una pubblicazione dove vengono delineati alcuni percorsi possibili per il futuro dell’Europa a seconda delle scelte che verranno fatte, che verrà messo a disposizione negli stand e nei punti informativi che verranno allestiti in diversi punti della città.

Print Friendly

Comments

comments