Il gioco e lo sport, momenti di gioia e condivisione da trascorrere con i propri coetanei. I ragazzi di Appignano, ora, saranno sempre “12” in campo durante le partite di calcio nella struttura di via Del Monte, portandosi nel cuore e nelle gambe il ricordo del giovane Andrea Cicarè. Appena un anno fa, infatti, all’età di 13 anni, il ragazzo si è spento all’ospedale di Ancona, dove era ricoverato a seguito della scoperta, tre anni prima, di un neuroblastoma.

La autorità civili e religiosi intervenute alla cerimonia del 26 marzo

Il Comune di Appignano ha deciso di intitolare in suo nome un Campo sportivo con una cerimonia toccante che ha visto la partecipazione dei familiari del piccolo Andrea e del sindaco Osvaldo Messi, oltre al vicario generale diocesano don Pio Pesaresi e a padre Luciano Genga, guardiano dei frati minori del convento di Forano. Durante la cerimonia è intervenuto anche il consigliere comunale con delega ai Servizi sociali Danilo Monticelli.

Durante le cure, Andrea, che frequentava la seconda media all’Istituto “Della Robbia” di Appignano, aveva dato dei segnali di miglioramento tali da consentirgli di tornare a giocare anche a pallone, la sua più grande passione. Purtroppo, un veloce peggioramento lo ha invece strappato ai suoi cari il 22 marzo del 2016.

L’Istituto «Della Robbia» ricorda lo studente Andrea Cicarè

 

Print Friendly

Comments

comments