Solidarietà verso l’India con le uova di Pasqua di «Please Sound»

L'associazione di volontariato maceratese sarà presente, nei prossimi week end, in diverse parrocchie di Macerata, Pollenza e Treia, con i dolci tradizionali della festività per raccogliere fondi a sostegno di un progetto umanitario

0
92

L’impegno dell’associazione maceratese «Please sound – Diritti per tutti» in favore delle popolazioni del sud dell’India va avanti a spron battuto, anche in occasione delle festività pasquali.

Per raccogliere fondi infatti, nei prossimi giorni l‘associazione sarà presente in diverse parrocchie del territorio con le uova di Pasqua solidali: sabato 1° aprile, dalle 18.30 alle 20, e domenica 2 aprile, dalle 9.30 alle 13 e dalle 18.30 alle 20, presso la parrocchia S. Madre di Dio a Macerata, e negli stessi giorni anche nella parrocchia Sacra famiglia a Casette Verdini di Pollenza.

I volontari allestiranno un altro banchetto nella mattinata di domenica 9 aprile, presso la parrocchia Santi Vito e Patrizio a Chiesanuova di Treia, e anche domenica sera 16 e lunedì 17 aprile presso il santuario Ss. Crocifisso a Treia. Queste uova di Pasqua Solidali, di cioccolato al latte o fondente, da 400 gr, sono disponibili a fronte del contributo di 10 euro e si possono richiedere anche in associazione (contattando il mobile 320 0567066).

La onlus, come si saprà, è sorta nel 2012 a Macerata con lo scopo di promuovere la solidarietà sociale, difendere i diritti umani inalienabili e favorire la cooperazione internazionale, con particolare riferimento all’India. Sul territorio la «Please Sound» è impegnata in attività di raccolta fondi, eventi e iniziative di sensibilizzazione, raccolta e distribuzione di generi di prima necessità a chi versa in difficoltà, dopo scuola per bambini, incontri e progetti per le scuole, come, ad esempio, il concorso «Conoscere l’India delle masse», di cui è in corso la quinta edizione per gli anni scolastici 2016/17 e 2017/18.

La distribuzione dei dolci tipici in questa Solennità 2017 è molto importante. I fondi così raccolti, infatti, saranno il contributo di ciascuno per il finanziamento di un progetto umanitario per le popolazioni tribali delle Kalvarayan Hills, una zona montuosa nello stato del Tamil Nadu, parte sud-orientale dell’India, che vivono in condizioni di povertà estrema e di grave arretratezza, senza accesso all’assistenza sanitaria, al servizio scolastico, alle infrastrutture primarie come elettricità, acqua potabile, mezzi di trasporto e strade.

L’ “immenso” progetto per cui si è mobilitata «Please Sound» – con il supporto sul posto dell’organizzazione indiana Dhan Foundation (Development of Humane Action) – ha una durata triennale, ed è stato avviato nell’agosto 2016. Esso mira ad offrire sostegno a circa 15mila persone per un avanzamento sostenile nei settori sanitario, alimentare, economico ed educativo: un percorso davvero notevole, dal costo complessivo di circa 190mila euro, per il quale è attivo anche un crowdfunding on line sul sito dell’associazione stessa.

Print Friendly

Comments

comments