Ancora un incontro per crescere, riflettere e confrontarsi nella sede dell’Ipsia “F.Corridoni” di Macerata. L’appuntamento, organizzato dal Direttore di sede prof. Antonello Romagnoli, per i ragazzi del biennio e subito accolto con entusiasmo dalla preside prof.ssa Francesca Varriale, ha visto relatore un ex alunno della scuola: Marco Viglietta. Marco lavora e continua a fare l’arbitro di calcio, la passione di sempre. Dopo aver ricordato con gratitudine gli anni di crescita passati nella scuola ha presentato un power point dal titolo significativo: “Il futuro appartiene a coloro che credono alla bellezza dei propri sogni” (Roosevelt).

Ha iniziato quindi a illustrare l’importanza della responsabilità e della fedeltà agli impegni presi e come i sogni che ognuno coltiva possono realizzarsi solo attraverso il sacrificio e il rispetto delle regole più semplici che sono poi anche quelle che servono per vivere bene nell’ambiente scolastico come il rispetto degli altri e la puntualità. L’Associazione arbitri gli ha trasmesso i valori del vivere con gli altri nel rispetto della libertà del prossimo: valori che appartengono allo sport e in modo particolare alle competizioni di squadra. Viglietta ha poi spiegato anche come sia stato aiutato a credere in un lavoro come quello arbitrale che ti appassiona nonostante i sacrifici e gli errori che inevitabilmente si possono commettere.

L’ex alunno ha evidenziato, inoltre, le contraddizioni di chi spesso fa parte di squadre sportive e poi a scuola non rispetta le regole più elementari e snobba proprio le lezioni di Scienze motorie. Ha illustrato ai ragazzi anche il rispetto delle regole formali, come, ad esempio, il codice dell’abbigliamento sportivo, e non ha mancato di affrontare il tema economico, ponendo l’accento che la vera differenza la fa la passione per lo sport. Non potevano mancare, alla fine, tante domande curiose dei ragazzi, tra cui quella su come i giocatori vedono l’arbitro donna. Un venerdì particolarmente significativo e che attraverso lo sport parla ancora di regole e legalità.

FOTO – Don Aniello ai giovani: «Gesù è più forte della camorra»

Print Friendly

Comments

comments