Dalle pagine dei libri al palco di un teatro. Per il giornalista Rai Giancarlo Trapanese, vicecaporedattore presso la sede regionale di Ancona e “prolifico” autore di numerosi romanzi, il “sogno” si trasforma in realtà. Sabato 1°, alle ore 21, e domenica 2 aprile alle 17, presso il Teatro sperimentale di Ancona andrà in scena la prima nazionale della commedia in tre atti «Chi mi ha ucciso?», tratta dall’opera omonima.

Con il patrocinio del Comune di Ancona, grazie all’interpretazione degli attori del Teatro del Sorriso prenderanno corpo i personaggi scaturiti dalla penna del poliedrico cronista che così commenta l’evento: «Vorremmo fare due serate “storiche”. Si tratta di uno spettacolo davvero particolare, liberamente ispirato dal mio ultimo romanzo con riduzione teatrale e regia di Giampiero Piantadosi per un’operazione culturale tutta… made in Marche».

Il giornalista e scrittore Giancarlo Trapanese

Diciannove personaggi, uomini e donne, di età e provenienza diverse, si ritrovano in una misteriosa villa settecentesca, situata in un luogo indefinito: sono stati invitati a trascorrervi un breve soggiorno da un chimerico personaggio, “L’Autore”. Nessuno di loro è riuscito a rifiutare l’invito, pur non conoscendone il motivo. Ma prima della cena rivelatrice di verità annunciate, in un clima ai confini della realtà, un delitto oscuro sconvolge le esistenze di tutti e provoca drammatici interrogativi… Questa la sinossi che vede come protagonisti, a condurre le indagini, il maresciallo Luigi Braschi e il suo amico giornalista Giorgio Catanese, mentre gli altri personaggi intrecciano trame d’amore e di risentimento.

Un lavoro, quello della trasposizione teatrale, per nulla facile, affidata in un primo momento allo stesso Trapanese che, in sintonia con un professionista come Piantadosi, ha selezionato le parti salienti della storia confezionando i dialoghi a misura teatrale.

Dopo il grande successo del libro – presentato, di volta in volta, in maniera del tutto originale da parte dello stesso scrittore marchigiano -, arriva dunque l’occasione di godere della dinamicità scenica che darà voce e volto ai soggetti immaginati, con un’ulteriore opportunità. La Italic Pequod, infatti, come editore, nel corso delle rappresentazioni ha deciso di promuovere un’edizione tascabile del romanzo appositamente creata per l’iniziativa.

Print Friendly

Comments

comments