Linea «verde» per la Protezione civile grazie agli incontri nelle sciole

Tra gli argomenti trattati al Liceo "Leopardi": il ruolo della protezione civile, il Sindaco come capo della protezione civile, l’utilità delle prove di evacuazione, le attività post sisma, il coordinamento tra le varie forze di polizia ed i volontari, il lavoro nell’immediatezza del sisma e le attività della ricostruzione con una particolare attenzione a Recanati ed ai luoghi più colpiti dal sisma

0
116

Il gruppo comunale di Protezione Civile di Recanati si apre sempre di più ai giovani. Tre dei sei nuovi arrivi registrati nel 2016 sono minorenni e questo testimonia uno spiccato senso di appartenenza al territorio e un senso di solidarietà sempre più alto nelle nuove generazioni, oltre ad essere molto utile sia per l’evoluzione ed organizzazione del gruppo ma anche per l’ufficio della Polizia Locale che vede crescere l’attenzione della cittadinanza per le tematiche legate al mondo della Protezione Civile. Un trand in continua e costante crescita che viene stimolato anche dai puntuali e sistematici incontri promossi nelle scuole di Recanati e voluti dal sindaco Francesco Fiordomo, dall’assessore alle Culture e Pubblica istruzione Rita Soccio, dal Comandante della Polizia Locale Luigi Baldassarri, dalla responsabile del gruppo comunale Raffaela Caraceni con la condivisione di insegnanti e dirigenti scolastici. Gli studenti del Liceo Classico Giacomo “Leopardi” di Palazzo Venieri hanno tenuto a battesimo il terzo anno di questa importante attività che proseguirà nelle prossime settimane negli altri istituti cittadini grazie ai referenti Emma Smorlesi per i Licei e Maria Scaropoli per l’Istituto Comprensivo “Badaloni” sotto la supervisione dei dirigenti Michelini e Carestia.

Tra gli argomenti trattati: il ruolo della protezione civile, il Sindaco come capo della protezione civile, l’utilità delle prove di evacuazione, le attività post sisma, il coordinamento tra le varie forze di polizia ed i volontari, il lavoro nell’immediatezza del sisma e le attività della ricostruzione con una particolare attenzione a Recanati ed ai luoghi più colpiti, comportamenti da tenere e varie curiosità. La lezione, che è stata tenuta dall’agente scelto Rossana Camillo che sarà poi affiancata dal Capitano Silvia Cappelletti, è stata molto utile ed entusiasmante e in grado di stimolare l’attenzione degli studenti.

Protezione civile: un nuovo mezzo, perchè «Io non rischio»

Print Friendly

Comments

comments