Il grande cuore di Arena: 75mila euro dalla cuffia in edizione limitata

Parte del successo del progetto di solidarietà si deve a due testimonial d'eccezione come Tania Cagnotto e Massimiliano Rosolino

0
114

Un’impresa che ha a “cuore” la propria città. Nei mesi scorsi, infatti, l’azienda Arena, leader nel mercato degli articoli sportivi dedicati al nuoto, ha promosso una campagna di solidarietà in favore delle zone colpite dal terremoto. “La cuffia del cuore”, questo il nome dell’iniziativa, ha raccolto ben 75mila euro, grazie alla diffusione di un prodotto in edizione limitata, caratterizzato da una grafica evocativa quanto efficace, distribuito online e nei migliori negozi di specializzati.

In tal senso, nei giorni scorsi si è svolto un primo incontro tra il sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi, e i due Amministratori Delegati di Arena, Luca Selvatici e Giuseppe Musciacchio, per discutere le possibili destinazioni dei proventi raccolti. Il successo del progetto si deve, inoltre, anche a due testimonial d’eccezione come Tania Cagnotto e Massimiliano Rosolino.

«È importante, a questo punto, informare tempestivamente i consumatori che hanno voluto premiare l’operazione riguardo all’utilizzo dei fondi raccolti – ha sottolineato Musciacchi -, il nostro incontro con il sindaco Pezzanesi è stato molto utile per definire le possibilità che abbiamo a disposizione».

Oltre al prodotto, Arena è già intervenuta in favore delle famiglie dei suoi dipendenti, come confermato da Selvatici: «Siamo stati al fianco dei lavoratori che hanno dovuto abbandonare la propria casa – ha detto -, ora abbiamo la possibilità di intervenire concretamente per la aiutare la comunità del Tolentinate, di cui la nostra azienda è parte integrante».

Evidente la soddisfazione, infine, del Primo cittadino: «Grazie al grande cuore di Arena, Tolentino avrà la possibilità di concretizzare un grande progetto di ricostruzione – ha affermato -, il nostro ringraziamento va alla società ma anche ai due campioni, Tania Cagnotto e Massimiliano Rosolino, che hanno voluto condividere questa bella iniziativa benefica».

Print Friendly

Comments

comments