Quando l’arte racconta l’arte il risultato non può che essere intriso di bellezza; ne è un lampante esempio il progetto fortemente voluto dal tolentinate Alberto Marcelletti che ha chiamato a reinterpretare secondo l’estro artistico del fotografo Maurizio Galimberti il ciclo di affreschi trecenteschi del Cappellone di San Nicola.

Un progetto che ha richiesto quattro anni di lavoro e che ora più che mai diventa prezioso, dopo che i ripetuti sismi hanno reso inagibile la splendida opera “a cielo chiuso” e che si teme per il suo futuro.

Due gli approcci dell’artista all’opera: da una parte c’è un lavoro di matrice futurista–duchampiana in cui 9mila scatti di polaroid danno vita ai soggetti attraverso mosaici fotografici, mentre altri scatti di polaroid da 100 centimetri per 60, successivamente trasferiti su carta cotone umido, rendono ancora più pittorici gli affreschi, quasi a voler “staccare” l’opera dal muro. Solo uno dei mosaici non ha come protagonista un’immagine pittorica: si tratta di un ritratto dell’ex priore del convento padre Massimo Giustozzi.

«Da cattolico – ci dice Galimberti – mi faceva piacere dare il mio personale contributo all’arte; un omaggio alla religiosità nonché alla cultura del nostro Paese che si rispecchia molto nella storia della Chiesa e di tutta l’arte sacra».

Ora occorrono fondi per dare il giusto compimento all’opera. È in preparazione, a cura di Luca Giustozzi e Massimiliano Sbrolla, un film che andrà in onda su Sky Arte nel mese di maggio e che racconterà tutte le fasi del lavoro; mentre l’allestimento della mostra «San Nicola reMade» trova diverse difficoltà in quanto tutti gli edifici pubblici adatti ad ospitarla a Tolentino risultano inagibili. «Speriamo – si augura Giustozzi – di trovare presto i fondi necessari; con poche migliaia di euro si riuscirebbe a mostrare anche a chi non è di Tolentino la bellezza del cappellone, proprio in questo momento in cui una parte rischia di non resistere dopo le scosse».

La speranza è quella di riconsegnare presto a Tolentino la bellezza che le appartiene.

Print Friendly

Comments

comments