Con la celebrazione dell’imposizione delle Ceneri ha inizio il Tempo di Quaresima, il tempo di preparazione alla Pasqua.
La Quaresima decorre dal mercoledì dalle Ceneri fino alla Messa “in Cena Domini” del Giovedì santo esclusa.
In questo periodo vorrei leggere con voi alcune parti della Lettera circolare “Paschalis sollemnitatis, pubblicata dalla Congregazione per il Culto Divino il 16 gennaio 1988, per cercare di vivere al meglio questo tempo di grazia.

Vi sottopongo alcuni paragrafi della “Paschalis sollemnitatis” che riguardano la celebrazione delle Ceneri e il tempo di Quaresima:

«In Quaresima non sono ammessi i fiori sull’altare e il suono degli strumenti è permesso soltanto per sostenere i canti», nel rispetto dell’indole penitenziale di questo tempo. (Paschalis sollemnitatis n.17)

Ugualmente si omette l’“Alleluia” in tutte le celebrazioni dall’inizio della Quaresima fino alla Veglia pasquale, anche nelle solennità e nelle feste. (Paschalis sollemnitatis n.18)

Si scelgano soprattutto nelle celebrazioni eucaristiche, ma anche nei pii esercizi, canti adatti a questo tempo e rispondenti il più possibile ai testi liturgici. (Paschalis sollemnitatis n.19)

Il mercoledì avanti la domenica I di Quaresima i fedeli, ricevendo le ceneri, entrano nel tempo destinato alla purificazione dell’anima. Con questo rito penitenziale sorto dalla tradizione biblica e conservato nella consuetudine ecclesiale fino ai nostri giorni, viene indicata la condizione dell’uomo peccatore, che confessa esternamente la sua colpa davanti a Dio ed esprime così la volontà di una conversione interiore, nella speranza che il Signore sia misericordioso verso di lui. Attraverso questo stesso segno inizia il cammino di conversione, che raggiungerà la sua meta nella celebrazione del sacramento della Penitenza nei giorni prima della Pasqua.
La benedizione e imposizione delle ceneri si svolge durante la Messa o anche fuori della Messa. In tal caso si premette la liturgia della Parola, conclusa con la preghiera dei fedeli. (Paschalis sollemnitatis n.21)

In questo tempo di Quaresima cerchiamo di dare un segno di diversità sonora, anche tralasciando il canto offertorio o di congedo.


Il repertorio musicale per la celebrazione eucaristica

Abbreviazioni
RN: Repertorio Nazionale di Canti per la Liturgia
CdP: Nella Casa del Padre (LDC, Leumann – Torino, edizione 1997)

Ingresso
ATTENDE DOMINE (gregoriano; RN 78) esempio
oppure la versione italianizzata
PADRE PERDONA (gregoriano, G.Stefani, D.Stefani; CdP 499) esempio
oppure
DAL PROFONDO O SIGNORE (F.Buttazzo) esempio

Kyrie eleison
KYRIE ELEISON, dalla Missa XVI (gregoriano; RN 3) esempio

Salmo Responsoriale
Perdonaci, Signore: abbiamo peccato
(una proposta può essere scaricata e ascoltata al seguente link dal sito web di Tele Radio Padre Pio)

Canto al Vangelo
GLORIA E LODE A TE (G.Liberto; RN 16) esempio

Imposizione delle ceneri
PURIFICAMI, O SIGNORE (A.Martorell-J.Gelineau; RN 92) esempio

Santo
SANTO (G.Stefani; RN 27) esempio

Anamnesi
TU CI HAI REDENTI (B.Cerino; RN 30) esempio

Dossologia
AMEN (G.M.Rossi; RN 32)

Embolismo
TUO È IL REGNO (D.Menichetti; RN 36 – CdP 375)

Frazione del pane
AGNUS DEI, dalla Missa XVIII (gregoriano; RN 40) esempio

Comunione
DONACI, SIGNORE, UN CUORE NUOVO (D.Machetta; CdP 496) esempio
oppure
IO NON SONO DEGNO (C.Chieffo; partitura) esempio

Print Friendly

Comments

comments

CONDIVIDI
Articolo precedenteTypicalmade, qualità certificata per i prodotti marchigiani
Prossimo articoloSei incontri di avvicinamento verso l’Oriente
Sono nato nel 1970. Oltre agli studi musicali presso il Conservatorio Statale di Musica "G.Rossini" di Pesaro e alla laurea in ingegneria, ho conseguito i diplomi al Co.Per.Li.M. e al corso biennale "Giovanni Maria Rossi" per direttore di coro liturgico della Conferenza Episcopale Italiana. Collaboro con la Sezione Musica per la Liturgia dell'Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana. Sono docente dei corsi di Musica Liturgica On Line e del COPERLIM. Sono vicedirettore dell'Ufficio Liturgico della Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia. Dal 1993 sono maestro direttore della Cappella Musicale della Cattedrale di Macerata.