Lo scoutismo maceratese ricorderà il 2016 come l’anno del Centenario (leggi qui l’articolo). Eventi culturali e appuntamenti di vario genere hanno focalizzato l’attenzione su un movimento dall’importanza mondiale che ha avuto un ruolo fondamentale per la crescita delle comunità giovanili. Ma l’importanza di essere scout va oltre ogni celebrazione, anzi il messaggio promosso dal fondatore Robert Baden-Powell si rafforza nella quotidianità delle attività svolte. Ogni anno, tuttavia, in occasione del “Thinking Day”, gli scout fanno il punto rispetto al rapporto tra l’evoluzione della società in cui operano e il loro possibile contributo. Ufficialmente in programma il 22 febbraio di ogni anno (dal 1932, mentre fu ideata sei anni prima negli Stati Uniti durante la quarta Conferenza Internazionale del Guidismo), infatti, la “Giornata del Pensiero” ricade in occasione della data di nascita dei due fondatori, i coniugi Baden-Powell, concentrando l’attenzione dei partecipanti su una tematica specifica (parità tra i generi, mortalità infantile, l’istruzione e il contrasto a povertà e fame, solo per citarne alcune).

La “Giornata del Pensiero” ricade ogni anno in occasione della data di nascita dei coniugi Baden-Powell

«Quest’anno la parola chiave che ci guida è “Crescita” – affermano Donatella Mela e Ferri Cormio, rispettivamente la Capo Guida e il Capo Scout italiani -, termine che acquisisce ancor più significato se pensiamo che come Agesci (l’Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani che conta oltre 180mila “camice azzurre”) abbiamo pensato di aiutare con una parte dei fondi raccolti i gruppi dell’Italia Centrale che hanno perso la sede o il materiale nel recente terremoto. Si tratta davvero di aiutare una ri-crescita dello scautismo – aggiungono i due – in quei luoghi così duramente provati e ciò ci fa sentire più vicini all’impegno di Wagggs nel far crescere il Guidismo e lo Scautismo in molti paesi dove la povertà, la precarietà e la guerra rendono difficile la crescita serena di tante ragazze e ragazzi».

Il tema dell’edizione 2017 sarà la “crescita”

Un messaggio che trae ispirazione dall’Enciclica di papa Francesco “Laudato Sii”, documento che, secondo Mela e Cormio, «ogni scout cattolico dovrebbe tenere sulla scrivania accanto a “Scouting for boys”». La ricerca del “Thinking Day 2017” è quella di «una nuova giustizia sociale» che «passa anche attraverso l’impegno di ciascuno di noi».

Secondo tali obiettivi, domenica 19 febbraio, a partire dalle ore 9, l’appuntamento si rinnoverà anche a Macerata, presso la Domus San Giuliano (in via Cincinelli, 4), con la celebrazione della Messa e la partecipazione di tutti i gruppi cittadini. In occasione del Thinking Day, infine, ci sarà anche la possibilità di comprare, per chi non ne avesse ancora approfittato, la maglietta del centenario, il fazzolettone e la relativa petch. Un modo per rimettersi tutti insieme, anche per il 2017, sulla buona strada.

 

Print Friendly

Comments

comments