Il progetto sul Museo della scuola vincitore del Luci

Al Pitch Day la presentazione delle idee di impresa degli allievi del Laboratorio Umanistico per la Creatività e l’Innovazione dell’Università di Macerata

0
188

Si è tenuto il 15 febbraio, presso l’aula blu del Polo didattico Pantaleoni, il Pitch Day, la presentazione delle idee di impresa degli allievi del Luci, il Laboratorio Umanistico per la Creatività e l’Innovazione dell’Università di Macerata. Dopo i saluti del pro rettore Claudio Ortenzi e della professoressa Francesca Spigarelli, coordinatrice del laboratorio stesso, gli otto team hanno presentato, di fronte ad un numeroso pubblico, le proprie idee.

A vincere per la migliore idea progettuale è stato il team formato da Chiara Ciurlanti, studentessa dell’Istituto Tecnico Commerciale «A. Gentili» di Macerata, Roberta Frungillo, studentessa della Laurea Magistrale in Managment dei beni culturali e Lucia Paciaroni, dottoranda in Human Sciences.

La proposta, dal titolo «Inclusive Museum» ha come obiettivo di rendere accessibile anche a persone con disabilità sensoriale il Museo della Scuola «Paolo e Ornella Ricca» dell’Università di Macerata, già reso accessibile ai visitatori con disabilità motoria. Lo scopo è di dotare il museo di attrezzature all’avanguardia e di mettere in pratica utili accorgimenti al fine di consentire anche alle persone con disabilità visiva e uditiva di visitare in piena autonomia gli spazi e fruirne i contenuti.

Gli allievi, nei mesi scorsi, hanno partecipato ad un percorso formativo sui temi della creatività, dell’innovazione e dell’autoimprenditorialità, durante il quale hanno incontrato esperti e professionisti che si sono distinti in particolar modo per la loro capacità di innovazione e per il successo dei loro progetti di impresa.

I vincitori avranno la possibilità di frequentare un corso di formazione nelle tecniche dello storytelling e instaurare una sinergia con creaHUB, l’atelier di idee di Unimc, per sviluppare un concreto piano di attuazione del proprio progetto.

Print Friendly

Comments

comments