Il senso di appartenenza ad un gruppo si vede soprattutto nei momenti in cui le difficoltà si fanno più sentire, ed è allora che si trova la spinta per ripartire ed affrontare nuove sfide. La serata ospitata sabato 28 gennaio all’ex Cinema Italia di San Severino Marche, ha rappresentato un punto di congiunzione tra un glorioso passato ed un futuro che si preannuncia ricco di opportunità.

«Siamo del Divini!» nasce per parlare anche di un presente fatto di oltre 650 studenti che hanno scelto tra 5 specializzazioni (Chimica, Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Telecomunicazioni) andando a creare il loro percorso formativo.

Lo studio, la conoscenza, l’esperienza sono stati espressi come fondamentali pilastri per la costruzione del progetto professionale e di vita, da imprenditori e professionisti che hanno trascorso i loro anni proprio all’Istituto Tecnico Tecnologico Statale Eustachio Divini di San Severino Marche e che hanno voluto testimoniare quanto quegli anni di scuola siano stati importanti per la loro crescita.

Insieme agli ex allievi, la serata ha accolto gli attuali studenti dell’Istituto che, tramite letture, musica live, la presentazione degli indirizzi e dei progetti di alternanza scuola-lavoro, hanno raccontato il loro “Divini”.

Una parte del talk-show, condotto dalla giornalista Barbara Olmai, è stato dedicato agli effetti del terremoto, alla solidarietà dimostrata da alcuni Istituti Scolastici italiani, all’idea proposta dagli studenti di trovare fondi per realizzare una casetta di legno per una famiglia di un allievo dell’ITTS.

Qualche istante di raccoglimento è stato dedicato alla memoria di Emanuele Bonifazi, il ragazzo di Pioraco che ha perso la vita nella tragedia dell’Hotel Rigopiano. Emanuele si era diplomato in informatica all’Itis nel 2004.

Accanto alla sofferenza, la toccante storia del dott. Simone Antonini ha portato l’attenzione del pubblico su quanto la forza di volontà possa essere vitale. Simone, dopo un incidente d’auto è rimasto tetraplegico con prospettive di restare allettato per tutta la vita. Con grande determinazione e l’aiuto della famiglia, è riuscito a mettersi su una sedia a rotelle, a riprendere gli studi al Divini, al corso serale in informatica “Sirio” e diplomarsi come perito informatico. Oggi, dopo aver conseguito la laurea in Fisica all’Unicam, si è iscritto alla Laurea Magistrale e arriva in dipartimento con la sua fiammante BMW sportiva.

La storia di Simone è una delle numerose storie dei tantissimi studenti che in questi decenni hanno scelto il Divini che nel 2018 si appresta a celebrare il 60esimo dalla sua fondazione. Lo farà in ambienti nuovissimi, sicuri e funzionali grazie alla ricostruzione del nuovo Istituto così come previsto dall’Ordinanza n.14 del 16 gennaio 2017 “Approvazione del programma straordinario per la riapertura delle scuole per l’anno scolastico 2017-2018”, emanata dal Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione nei territori interessati dal sisma, Vasco Errani.

Print Friendly

Comments

comments