Matias Augé e le “troppe parole!”

0
369

Questa settimana propongo la lettura dell’articolo di Matias Augé pubblicato il 22 gennaio scorso sul suo blog “Munus: Liturgia e dintorni” dal titolo “Troppe parole!“.

Tre brevi ma calzanti osservazioni sulla sciatteria e il “malcostume” liturgico che fa perdere di vista l’essenzialità e l’importanza di gesti, parole, movimenti, silenzi e fa diventare tutto formalità o sterile fantasia creativa che confonde.

Buona lettura.

 

Print Friendly

Comments

comments

CONDIVIDI
Articolo precedenteDeroghe e Norme per salvaguardare l’anno scolastico
Prossimo articoloMacerata: «È ora di… informarsi per fare meno rifiuti»
Sono nato nel 1970. Oltre agli studi musicali presso il Conservatorio Statale di Musica "G.Rossini" di Pesaro e alla laurea in ingegneria, ho conseguito i diplomi al Co.Per.Li.M. e al corso biennale "Giovanni Maria Rossi" per direttore di coro liturgico della Conferenza Episcopale Italiana. Collaboro con la Sezione Musica per la Liturgia dell'Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana. Sono docente dei corsi di Musica Liturgica On Line e del COPERLIM. Sono vicedirettore dell'Ufficio Liturgico della Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia. Dal 1993 sono maestro direttore della Cappella Musicale della Cattedrale di Macerata.