Danni al Santissimo Crocifisso: da Monte San Savino oltre 4mila euro

La Venerabile Confraternita della Misericordia ha raccolto la cifra da destinare al restauro del crocifisso ligneo. Ulteriore dimostrazione del legame tra le due città impegnate nella promozione del gioco del Pallone col il Bracciale

0
136
L'altare del Santuario del Santissimo Crocifisso di Treia

Uniti dal gioco del Pallone con il Bracciale e da un’amicizia profonda: questo il legame che unisce Treia a Monte San Savino. La città toscana è una delle avversarie, soltanto all’interno degli Sferisteri, di quella marchigiana. A ciò si aggiunge l’affetto dimostrato da una personalità più illustri di Monte San Savino, il prof. Leone Cungi, profondo conoscitore e autore di testi e volumi sul gioco del Pallone con il Bracciale.

 

A seguito degli eventi sismici che hanno colpito la Regione Marche e il Centro Italia, la Venerabile Confraternita della Misericordia di Monte San Savino ha così deciso di donare una somma in denaro per i lavori di restauro del Santuario del Santissimo Crocifisso. L’iniziativa, denominata “Un aiuto concreto” ha visto raccogliere 4.424 euro grazie all’apertura di uno specifico conto corrente. La partecipazione di cittadini, Associazioni e gruppi sportivi è stata fondamentale per la riuscita del progetto.

Nello specifico, la somma verrà utilizzata per il restauro del crocifisso ligneo, emblema del Santuario, in quanto anche a Monte San Savino sono conservate una croce dipinta risalente alla seconda metà del XIII e un crocifisso ligneo policromo (XVI-XVII) posto nell’antica chiesa della Pieve o della Misericordia. Entrambi oggetto di particolare devozione da parte dei savinesi. Il sindaco Franco Capponi e l’Amministrazione Comunale di Treia hanno espresso nei giorni scorsi il loro ringraziamento alla Confraternita della Misericordia, al Governatore Luciano Falchi, al Magistrato della Misericordia e allo stesso Cungi, attendendoli per una cerimonia ufficiale da programmare in occasione delle festività del Patrono di Treia San Patrizio, il prossimo 17 marzo.

Print Friendly

Comments

comments