La commedia di Dante Cecchi, un convegno per riscoprirne le origini

Sabato 14 gennaio, alle ore 17.30, il Teatro Comunale ospiterà l'incontro "Per ricucire frammenti di tempo... natura, storia e vita nelle commedie di Dante Cecchi"

0
340

Gli articoli (come, d’altronde gli “aggettivi”) sono riduttivi per parlare di Dante Cecchi. Un libro ne ha ripercorso la storia, grazie al Centro di Studi storici maceratesi e al vice presidente prof. Alberto Meriggi (leggi qui l’articolo), e l’intero mondo culturale maceratese si è mobilitato per ricordare l’impegno profuso dal “professore del sorriso” morto il 22 luglio 2015. Non da meno è la Città di Treia, la quale ha inserito le opere in lingua dialettale composte da Cecchi nel suo cartellone invernale e che, sabato 14 gennaio, promuove un convegno in suo onore al Teatro Comunale.

“Per ricucire frammenti di tempo… natura, storia e vita nelle commedie di Dante Cecchi”, questo il titolo scelto per l’incontro, con inizio alle ore 17.30, vedrà la partecipazione del prof. Fabio Macedoni, autore di svariati testi teatrali di successo con la Compagnia “Fabiano Valenti”, tra i primi a credere nell’importanza di riproporre le commedie di Cecchi anche per le nuove generazioni. “Il teatro dialettale di Cecchi: un racconto di storia popolare”, questo l’intervento di Macedoni, anticiperà la narrazione familiare di Giovanni Cecchi, figlio del “professore”, e la relazione del professor Diego Poli, docente dell’Università di Macerata, su “Alle fonti del sacro: Dante Cecchi in cerca d’una rappresentazione”.

All’evento, organizzato dall’Assessorato alla Cultura di Treia e facente parte del Gran Tour Cultura promosso dalla Regione Marche dall’11 novembre dello scorso anno fino al 14 gennaio, parteciperanno poi il cantastorie Adriano Marchi (“Storie delle fantasie di un bambino”) e l’organettista Elia Salvucci, che interpreterà motivi tradizionali e popolari.

La conferenza sarà moderata dall’assessore Edy Castellani, mentre al sindaco Franco Capponi spetteranno le conclusioni di rito. Al termine, un aperitivo-cena sarà offerto nel locale bar all’interno del Teatro, presso il secondo ordine.

Print Friendly

Comments

comments