Macerata Jazz 2017, al via la nuova stagione al Teatro Lauro Rossi

A partire da venerdì 20 gennaio e fino a venerdì 24 marzo, il programma vedrà cinque grandi formazioni jazz avvicendarsi sul palco

0
217
Daniele Massimi e Stefania Monteverde durante la presentazione del programma di Macerata Jazz 2017

Dopo la chiusura per curare le ferite provocate dal sisma, il Teatro Lauro Rossi riapre i battenti e con esso riparte la stagione invernale di Macerata Jazz, appuntamento annuale ideato e curato da Musicamdo Jazz che porta sul palcoscenico del teatro maceratese alcuni tra i più importanti musicisti jazz nazionali e internazionali. A partire da venerdì 20 gennaio e fino a venerdì 24 marzo, il programma vedrà cinque grandi formazioni jazz avvicendarsi sul palco mescolando, come sempre accade nella filosofia della stagione, i big del jazz internazionale con i nuovi talenti emersi dalla fucina sempre attiva del Premio Internazionale Massimo Urbani.

La rassegna, ideata e diretta da Daniele Massimi dell’associazione camerte Musicamdo Jazz con il contributo fondamentale del Comune di Macerata e dell’Assessorato alla Cultura da sempre vicino al mondo del Jazz, del Cappellificio Hats&Dreams di Montappone protagonista per il secondo anno del progetto #JazzForHats, di Domizioli, Green Vision Ottica Pietroni, Quota CS Sport&Life di Sant’Elpidio a Mare e Apm, vedrà alternarsi sul prestigioso palco del teatro maceratese artisti del calibro di Fabrizio Bosso, Rosario Giuliani e Enzo Pietropaoli (20 gennaio), Omer Avital Quintet (10 febbraio) unica data italiana per il quintetto israeliano, Mike Melillo in piano solo e poi il quartetto con la splendida voce rivelazione del jazz 2016 avendo vinto il Premio Urbani, Emilia Zamuner con Emanuele Cisi (3 marzo), i Quintorigo con Roberto Gatto (10 marzo) e il trio di Max Ionata accompagnato dalla voce di Gegè Telesforo (24 marzo).

«Si tratta di una rassegna che lega più di sempre due città, Macerata e Camerino – afferma il vice sindaco Stefania Monteverde -; il terribile sisma che ha colpito il territorio ha rafforzato ancor più il sodalizio tra queste due realtá con il prestigioso Premio Internazionale Massimo Urbani».

«La consueta filosofia della stagione vuole che i protagonisti della rassegna siano i vincitori del Premio Internazionale Massimo Urbani – spiega il direttore artistico Daniele Massimi -, accanto a loro grandissimi nomi del jazz internazionale. Non potevamo poi rimanere inermi davanti alla tragedia del terremoto».

Info e costi: Abbonamento Intero 60 euro; abbonamento ridotto 40 euro (studenti Unimc e Unicam, soci Marche Jazz Network); biglietto intero 15 euro; biglietto ridotto 10 (studenti Unimc e Unicam, soci Marche Jazz Network).

Print Friendly

Comments

comments