Giovedì 22 dicembre alle 21.05
«Nicholas Nickleby», con Anne Hathaway.
È un film del 2002 diretto da Douglas McGrath, tratto dall’omonimo romanzo di Charles Dickens. È la storia di Nicholas che nasce e cresce in una onesta e benestante famiglia nel Devonshire, insieme al padre, la madre e la sorella Kate. Alla prematura morte del padre, la famiglia si trova in pesanti difficoltà economiche e si reca a Londra per chiedere aiuto al perfido e avido zio Ralph, fratello del defunto, divenuto ricco con la sua attività di speculazione sugli investimenti di denaro di alcuni ricchi londinesi. Lo zio invia Nicholas a fare da insegnante in un collegio lontano da Londra, Dotheboys Hall, e sistema la cognata e la nipote in un piccolo appartamento, e mandando Kate a fare da apprendista da una sarta. Il collegio è diretto da Mr. Squeers e la moglie, due personaggi biechi e crudeli, che maltrattano i bambini affamandoli e malmenandoli e facendoli vivere nel terrore. Bersaglio di particolare durezza da parte loro è Smike, un ragazzo claudicante costretto a fare da sguattero perché nessuno paga più la sua retta. Ben presto Nicholas si ribella a questa situazione e lascia il collegio, portando con sé Smike.

Venerdì 23 dicembre alle 21.05
«Miracolo di Natale»
Nathan Andrews uno stimato cardiochirurgo, torna nella sua città d’origine per trascorrere le vacanze con il padre per prendersi un periodo di pausa dalla sua professione, che medita di abbandonare dopo la morte di un giovane paziente in sala operatoria. Arrivato in città, inizia a svolgere un’attività insolita per lui, diventa allenatore di basket per la scuola elementare della sua cittadina locale. Nathan conoscerà il piccolo Charlie un giovane ragazzo che ha da poco perso la mamma e Meghan, l’insegnante di Charlie.

Domenica 25 dicembre
«La Regina delle Nevi» 1 e 2. alle 9.20 e alle 10.35
Volendo creare un mondo nuovo, dove la linearità sostituisce le emozioni e il vento polare raffredda gli animi umani, la Regina delle nevi tenta di rintracciare tutti gli artisti e i loro eredi per annientarli. Un giorno, un terribile vento del nord porta Kai al palazzo della Regina e per salvarlo sua sorella Gerda dovrà affrontare insormontabili ostacoli. Fortunatamente Gerda potrà contare sul sostegno del suo furetto domestico Luta e del troll Orm.

«La sacra famiglia», con Alessandro Gassman alle 20.50
Questa miniserie racconta la meravigliosa storia della Natività ma, questa volta, l’impostazione del racconto presenta elementi nuovi, originali e propri di una commedia romantica. Ci sono i personaggi che tutti conosciamo, Giuseppe (Alessandro Gassman) e il suo asinello, Maria (Ana Caterina Morariu) e il piccolo nato, Gesù (Brando Pacitto), però «La Sacra Famiglia» offre una prospettiva inconsueta sull’evento destinato a cambiare la storia del mondo occidentale e l’originalità dei personaggi, unita alle particolari dinamiche psicologiche che intercorrono tra di loro, si traduce in una delicata e profonda storia d’amore. Novità assoluta è che entrambe le puntate sono liberamente ispirate ai Vangeli apocrifi e che, dopo Steven Spielberg che nel 1989 girò a Petra alcune scene del suo film “Indiana Jones e l’ultima crociata”, la Sacra Famiglia è la prima fiction che è stata interamente girata nell’affascinante terra giordana anche perché si ritiene che alcuni siti siano i veri luoghi dove visse Gesù.
Infine, proprio per la spettacolarità geografica che questa terra regala, la miniserie è stata arricchita nell’impianto scenografico dalla mano del Maestro Gianni Quaranta, premio Oscar per «Camera con vista».

Lunedì 26 dicembre
«Piccole donne», con Elizabeth Taylor alle 22.05
La famiglia March, attualmente composta dalla signora March e da quattro giovani figlie, Jo, Meg, Amy e Beth, è veramente una famiglia modello. Il signor March è dovuto partire per la guerra; la famiglia, provata da forti rovesci finanziari, non naviga certo in buone acque; ma l’armonia che vi regna rende simpatico e piacevole l’ambiente familiare. Nella villa di fronte alla loro abita un vecchio generale col nipote, Laurie. Questi si innamora di Jo, che lo tiene a debita distanza; mentre Meg sembra gradire le attenzioni di un amico di Laurie. La serenità della vita familiare è turbata dalla notizia che il signor March è ammalato e ricoverato in un ospedale di New York e per permettere alla madre di recarvisi, Jo si taglia i capelli e li vende. Dopo qualche tempo il signor March ritorna a casa in convalescenza, ma la famiglia a poco a poco si dissolve. Meg ha sposato l’amico di Laurie; Amy è partita con una vecchia zia per l’Europa; Jo va, come istitutrice, a New York. Soltanto Beth rimane nella vecchia casa , dov’essa muore prematuramente. La sua breve vita offrirà a Jo il soggetto di un romanzo, che avrà grande successo. Jo sposerà poi un bravo professore, mentre Amy, in Europa, sposerà Laurie.

Martedì 27 e sabato 31 dicembre alle 21.05
«Cantando sotto la pioggia» con Gene Kelly
Don, un giovane attore di varietà, decide di tentare la fortuna passando al cinema. Viene ingaggiato per affiancare la bellissima attrice Lina Lamont in un film muto e la pellicola ottiene uno strepitoso successo. Lina si innamora di Don e confondendo la finzione con la realtà pensa di costituire con lui una coppia. Quando Don conosce Kathy, una giovane cantante e ballerina e si innamora di lei, la gelosia di Lina è incontenibile e l’attrice cerca con ogni mezzo di fare licenziare la rivale. Regia: Stanley Donen

Mercoledì 28 dicembre alle 21.05
«Il giro del mondo in 80 giorni»
Tratto dal romanzo di Jules Verne. Nel 1872 Phileas Fogg, membro di un esclusivo club di Londra, scommette con i suoi amici che riuscirà a fare il giro del mondo in soli ottanta giorni. In palio 20.000 sterline e il cuore di una splendida principessa indiana. REGIA: Michael Anderson

Giovedì 29 dicembre alle 21.05
«Una giornata davvero speciale»
Calvin è un uomo d’affari di successo, ma la sera prima di Natale, uscendo dall’ufficio, viene colpito da un’insegna luminosa. Si risveglia all’ospedale, dove l’infermiera Angie gli spiega che avrà 12 possibilità di rivivere quel giorno, fino a raggiungere il perfetto giorno della vigilia…Regia di Martha Coolidge

Venerdì 30 dicembre alle 21.05
«Il giardino segreto», di Agnieszka Holland.
Una sinistra villa gotica nella brughiera inglese spazzata da vento, una famiglia che custodisce un oscuro segreto, uno splendido giardino dove possono fiorire amore e amicizia e dove è possibile fugare le sofferenze del corpo e della mente. La scoperta e le cure dedicate a un giardino segreto che divide il loro rifugio e favorisce tra loro la nascita di una preziosa amicizia cambiano per sempre la vita e la personalità di tre ragazzini solitari: Mary, spirito battagliero e indipendente; Colin, giovane invalido viziato e irascibile; e Dickon, ragazzo di campagna semplice e d’animo gentile.

Domenica 1 Gennaio alle 21.05
«Un bambino di nome Gesù», con Irene Papas.
Gesù si reca a Gerusalemme, accompagnato da Giuseppe, per ricevere un’educazione che a Nazareth nessuno può dargli. Lontano dalla madre, il bambino ha una visione del proprio futuro, della Passione che lo attende. Regia: Franco Rossi

Lunedì 2 gennaio alle 22.05
«Arsenico e Vecchi merletti», con Cary Grant
L’ex scapolo convinto Mortimer Brewster (Cary Grant), tornato a casa dalle zie Abby e Martha (Josephine Hull e Jean Adair) per raccontare del suo fresco matrimonio con Elaine (Priscilla Lane), scopre che le due ziette “aiutano” i “loro signori” a lasciare la vita con un sorriso sulle labbra offrendo loro del vino di sambuco corretto con un miscuglio di veleni, e che li seppelliscono nel Canale di Panama che il fratello, Teddy (John Alexander), che si crede Theodore Roosevelt, scava e ricopre di continuo in cantina. Deciso a porre fine alla pazzia delle due zie e del fratello, Mortimer cercherà di far internare Teddy, ma a mettergli il bastone tra le ruote ci si metteranno l’efferato omicida, nonché fratello di Mortimer, Jonathan (Raymond Massey) e il suo fido amico, il dottor Einstein (Peter Lorre), che hanno anche loro un cadavere da seppellire in cantina e a cui vorrebbero aggiungere quello di Mortimer. Regia: Frank Capra

Print Friendly

Comments

comments