Riparte la stagione teatrale a Tolentino

0
220

A poco più di un mese di distanza dalla sospensione dell’apertura della campagna abbonamenti 2016/17 a causa del sisma che ha colpito duramente la città, il comune di Tolentino, Compagnia della Rancia e A.M.A.T. annunciano la ripresa della stagione teatrale 2016/2017 del Teatro Vaccaj presso il Cineteatro Don Bosco. È volontà comune degli enti organizzatori favorire quanto più possibile un ritorno alla quotidiana normalità cittadina, dopo la difficile situazione che sta coinvolgendo la popolazione, anche attraverso proposte teatrali che offrano momenti di svago e di evasione.

La vitalità della città di Tolentino da sempre passa anche attraverso il Teatro, con i suoi infiniti linguaggi e volti. Quindi la campagna abbonamenti si aprirà sabato 10 dicembre con la prelazione per i vecchi abbonati e si protrarrà fino al 20 dicembre (info 338 4353550 – 340 7028078). Dal 17 dicembre sarà possibile acquistare i biglietti dei singoli spettacoli al botteghino del Teatro Don Bosco, oppure on line su www.vivaticket.it, o tramite il Call Center dello Spettacolo delle Marche al numero 071 2133600.

L’abbonamento è il modo più conveniente di vivere il teatro: una formula vantaggiosa che permette di non rinunciare alla cultura e alla bellezza degli spettacoli proposti. Anche quest’anno, poi, chi presenterà “un nuovo abbonato” avrà in regalo (per sé e per il suo amico) ingressi gratuiti per gli spettacoli fuori abbonamento. Infine con le iniziative 18app e Carta del docente, promosse dal M.I.U.R. – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – i docenti di ruolo e gli studenti che compiono 18 anni nel 2016 potranno acquistare i biglietti degli spettacoli della stagione 2016/2017 utilizzando il bonus cultura (info per la registrazione su 18app.it, e cartadeldocente.istruzione.it; info per l’utilizzo del bonus su amatmarche.net).

La Compagnia della Rancia, nonostante le evidenti difficoltà legate all’inagibilità dell’Auditorium San Giacomo, dove ha la propria sede operativa, si è impegnata assiduamente fin dai primi momenti per non perdere nemmeno uno degli spettacoli scelti per questa stagione, riuscendo, di concerto con Amat, ad individuare delle nuove date per i titoli programmati a novembre e dicembre, come ha dichiarato il direttore artistico, Saverio Marconi: «Il legame con la città è sempre rimasto vivo e forte, e oggi lo è ancora di più. Tolentino è la nostra casa, lo è stata all’inizio della nostra avventura e lo sarà ancora. Non ci siamo arresi e fermati dopo l’incendio del Vaccaj nel 2008 e non ci fermerà nemmeno questo terremoto. Siamo vicini ai cittadini colpiti dal sisma e ci auguriamo, nel nostro piccolo, di contribuire al ripresa della collettività».

La stagione si aprirà il 20 dicembre con una commedia molto divertente, che in Francia è in scena da oltre 5 anni, dove vincitrici sono le donne con la loro forza e determinazione: “Tre donne in cerca di guai”, con tre vere icone della storia dello spettacolo e del costume italiano, Corinne Clery, Barbara Bouchet e Iva Zanicchi. Corinne Clery, motrice di questa operazione e proprietaria dei diritti del testo ci racconta: «Quando ho visto per la prima volta a Parigi questa commedia me ne sono innamorata alla follia. Insieme al regista, Nicasio Anzelmo, abbiamo atteso il giusto adattamento per l’Italia e finalmente siamo in scena».

Si prosegue, quindi, il 21 gennaio con Arlecchino servitore di due padroni, un classico della commedia dell’arte  riletto in chiave contemporanea da uno dei maggiori conoscitori della commedia dell’arte quale Carlo Boso; protagonista David Anzalone, un attore dalle particolari capacità motorie.

A seguire, il 29 gennaio, un poker d’assi d’eccezione (Ettore Bassi, Edy Angelillo, Eleonora Ivone e Giorgio Borghetti), sulla scia del successo dello scorso anno, racconterà una storia contemporanea di grande attualità, L’amore migliora la vita, una commedia irriverente che mette a nudo le convenzioni sociali e le lascia esposte alle risate degli spettatori. A febbraio sarà la volta di Classe di Ferro di Aldo Nicolaj, uno dei titoli più amati e grande banco di prova per molti attori.

Stelle di quest’edizione sono Paolo Bonacelli e Giuseppe Pambieri, affiancati da Valeria Ciangottini, che offriranno con leggerezza e humor uno splendido affresco sulla terza età. La stagione si chiuderà a marzo con I suoceri albanesi, con Francesco Pannofino ed Emanuela Rossi. La nuova commedia firmata Gianni Clementi ride e sorride dei legami di una famiglia borghese che oscilla tra politically correct, ansie generazionali e ordinarie depressioni e si prende gioco di una società che vuole sempre essere moderna, tollerante e avanzata.

Print Friendly

Comments

comments