A mezzogiorno recitiamo l’Angelus con il vescovo Marconi

All'interno il testo della preghiera in ricordo del mistero dell'Incarnazione

0
501

Come indicato dal Vescovo di Macerata, mons. Nazzareno Marconi (leggi qui l’articolo), alle 12 di ogni giorno anche su Emmausonline preghiamo insieme l’Angelus seguito da una decina del Santo Rosario. (Radio Nuova Macerata, frequenza 90.00 MHz, Radio Padre Matteo Ricci, èTv Macerata, canali 89 e 605 del digitale terrestre). L’Angelus è una preghiera in ricordo del mistero dell’Incarnazione. Il nome deriva dalla parola iniziale del testo in latino, Angelus Domini nuntiavit Mariae.

Come si prega

I. L’angelo del Signore portò l’annuncio a Maria,
II. ed ella concepì per opera dello Spirito Santo.
Ave, o Maria, piena di grazia…

I. “Eccomi sono la serva del Signore.”
II. “Avvenga di me secondo la tua parola.”
Ave Maria, piena di grazia…

I. E il verbo si fece carne.
II. E venne ad abitare in mezzo a noi.
Ave Maria, piena di grazia…

I. Prega per noi santa madre di Dio.
II. Perché siamo fatti degni delle promesse di Cristo.

Preghiamo:
Infondi nel nostro spirito la tua grazia, o Padre, tu che, all’annuncio dell’Angelo, ci hai rivelato l’incarnazione del tuo Figlio, per la sua passione e la sua croce, e per l’intercessione di Maria Madre della Misericordia, guidaci alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore. Amen.

I. Madre della Misericordia, nostra Patrona
II. Prega per noi.

Di seguito recitiamo insieme una decina del Santo Rosario:

Padre Nostro
10 Ave Maria
Gloria al Padre
L’Eterno Riposo, per tutti i defunti

Print Friendly

Comments

comments