Oh Eternità, parola folgorante

0
99

Nella vigilia della solennità di Cristo Re dell’Universo propongo l’ascolto della cantata sacra di Johann Sebastian Bach (1685-1750) “O Ewigkeit, du Donnerwort“, BWV 20 (“Oh Eternità, parola folgorante”).

Composta nel 1724 per la prima domenica dopo la Trinità venne eseguita per la prima volta l’11 giugno dello stesso anno. Johann Sebastian Bach la compose nel periodo in cui aveva assunto l’incarico di Cantor et Director Musices a Lipsia.

La cantata è divisa in due parti: sette movimenti per la prima e quattro per la seconda.
Stupendo il testo del primo movimento:

Oh eternità, parola folgorante,
oh spada, che trafigge l’anima,
oh inizio senza fine!
Oh eternità, tempo senza tempo,
nella mia grande tristezza
non so da che parte rivolgermi.
Il mio cuore terrificato trema,
tanto che la lingua mi si incolla al palato.

Print Friendly

Comments

comments

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl punto sui danni da terremoto agli organi della Diocesi
Prossimo articoloIl programma per la «Madonna della salute»
Sono nato nel 1970. Oltre agli studi musicali presso il Conservatorio Statale di Musica "G.Rossini" di Pesaro e alla laurea in ingegneria, ho conseguito i diplomi al Co.Per.Li.M. e al corso biennale "Giovanni Maria Rossi" per direttore di coro liturgico della Conferenza Episcopale Italiana. Collaboro con la Sezione Musica per la Liturgia dell'Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana. Sono docente dei corsi di Musica Liturgica On Line e del COPERLIM. Sono vicedirettore dell'Ufficio Liturgico della Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia. Dal 1993 sono maestro direttore della Cappella Musicale della Cattedrale di Macerata.