Parte la campagna di vaccinazione antinfluenzale nelle Marche

Nel corso della settimane le prime somministrazioni. Interessate anche le zone terremotato, con molti medici volontari disponibili

0
118

Prende avvio, nelle Marche, la campagna di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2016-2017. Nel corso della settimana i vaccini antinfluenzali, come ogni anno, inizieranno a essere somministrati dai Medici di Medicina Generale e dai Servizi Vaccinali dell’Asur che operano sul territorio. La Regione Marche garantirà l’offerta gratuita della vaccinazione antinfluenzale a tutti coloro che si trovino nelle strutture di accoglienza e quanti altri, in quelle zone, ne faranno richiesta, rivolgendosi agli operatori sanitari presenti sul posto.

A seguito degli ultimi eventi sismici, il sistema sanitario regionale ha ulteriormente potenziato l’assistenza sanitaria al fine di raggiungere, in modo capillare, tutta la popolazione ospitata nelle strutture alberghiere del litorale e nelle strutture emergenziali allestite localmente dai Comuni. Un prezioso contributo operativo viene dai molti medici volontari che si sono già resi disponibili per agevolare la vaccinazione dei cittadini anche nel caso si trovino al di fuori del comune di provenienza.

Come gli anni scorsi, il Servizio sanitario regionale garantisce la vaccinazione gratuita ai soggetti considerabili a rischio di complicanze severe, in caso contraggano l’influenza: in particolare, anziani a partire dai 65 anni di età, adulti e bambini con malattie croniche e familiari di soggetti ad alto rischio, donne nel secondo o terzo trimestre di gravidanza e individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti.

L’offerta gratuita del vaccino sarà rivolta anche alle persone non a rischio che svolgono attività di particolare valenza sociale, come gli operatori sanitari e il personale di assistenza e gli addetti ai servizi essenziali (forze dell’ordine, personale scolastico, volontari dei servizi sanitari di emergenza), secondo le indicazioni nazionali.

Print Friendly

Comments

comments