Partiranno domani, giovedì 10 novembre, per Londra gli studenti del Liceo Classico di Jesi e del Liceo Scientifico e Linguistico di Recanati che aderiscono al progetto International Playhouse «Shakes-Share», evento educativo interculturale che coinvolge l’International House The Victoria Company (IH TVC) di Jesi e Ancona unitamente a IH di Voronezh, di Londra, la Arts Educational Schools di Londra, il Trinity College di Londra e la International House World Organization.

Per la prima volta, sessanta studenti italiani, russi e britannici si riuniranno a Londra, dall’11 al 13 novembre, per dare vita ad una serie di rappresentazioni teatrali, proponendo progetti e creando nuove esperienze d’arte drammatica e linguistiche.

Tutte le scuole partecipanti hanno già creato e messo in scena durante l’anno il proprio progetto incentrato su Shakespeare del quale quest’anno ricorre il 400esimo anniversario: in particolare, i ragazzi di Jesi e Recanati sono stati i protagonisti del progetto «Shakespeare in a box», promosso dalla IH TVC di Jesi e Ancona e culminato, nello scorso mese di aprile, con la rappresentazione teatrale in lingua inglese dello spettacolo «TMPST – The Tempest Vogued».

La giornata di workshop teatrali si svolgerà presso la IH di Londra, seguita da un’altra giornata dedicata alle rappresentazioni insieme agli studenti locali della Arts Educational Schools.

globe-theatre

Il Trinity College di Londra, che gode di una vasta gamma di esami finalizzati al potenziamento delle abilità comunicative pratiche, tra i quali teatro, musica e lingua inglese, è un partner entusiasta del progetto e rilascerà agli studenti un certificato di partecipazione e il feedback di un collegio di esperti del Trinity College.

Molteplici gli obiettivi dell’iniziativa. Oltre alla conoscenza dell’inglese, infatti, questa esperienza permetterà ai giovani di ampliare notevolmente le loro conoscenze letterarie e storico culturali, favorirà la cooperazione e sarà un’opportunità di scambi interculturali e di amicizia tra partecipanti.

Print Friendly

Comments

comments