L’inaugurazione dell’anno accademico all’Istituto Teologico Marchigiano

0
121

Oggi, martedì 8 novembre 2016, alle ore 16, presso l’aula magna del seminario regionale Pio XI di Ancona, si terrà la solenne inaugurazione dell’Anno Accademico 2016-2017 dell’Istituto Teologico Marchigiano. La prolusione sarà tenuta da S.E. Mons. Luis Francisco Ladaria (nella foto), Segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede sul tema: “La giustificazione mediante la fede: lo status quaestionis nell’attuale dialogo ecumenico”.

L’Istituto Teologico Marchigiano è un polo culturale che rilascia titoli accademici in forza del particolare legame che vanta con la Pontificia Università Lateranense. Esso è promosso da tutte le diocesi marchigiane e ospita circa 150 studenti tra il ciclo istituzionale e il biennio di licenza in teologia sacramentaria.

L’iter di formazione è aperto a tutti, particolarmente a quanti desiderano approfondire la propria esperienza di fede attraverso lo studio scientifico della bibbia e delle altre discipline teologiche. Accanto alla trattazione classica, viene proposto anche un percorso di approfondimento su temi sociali ed ecclesiali di particolare attualità come le questioni dell’emarginazione, le scienze della comunicazione, la storia delle religioni e lo sviluppo delle confessioni cristiane. Si tratta di percorsi aperti a tutti, ma indispensabili per la formazione degli operatori pastorali, degli oratori e della carità. Il titolo quinquennale abilita all’insegnamento della religione cattolica nelle scuole di ogni ordine e grado. A questo scopo vengono offerti corsi propedeutici concernenti gli ambiti della psicologia dello sviluppo, della pedagogia e della didattica. (info: www.teologiamarche.it)

L’inaugurazione dell’anno accademico è la ricorrenza più solenne della vita dell’istituto, che quest’anno ha deciso di proporre una riflessione che tenga conto del cinquecentesimo anniversario della Riforma luterana che si terrà nel 2017. Il tema che sarà sviluppato da mons. Ladaria, infatti, riguarda una delle questioni che hanno portato la chiesa cattolica e quella evangelica a separarsi, ossia la concezione della “giustificazione” e il ruolo delle chiese nel processo di conversione del singolo credente.

Mons. Luis Ladaria, gesuita, è nato in Spagna nel 1944. Ha insegnato teologia dogmatica per circa vent’anni presso la Pontificia Università Gregoriana, di cui è stato docente ordinario di antropologia teologica. Tra i suoi ambiti di ricerca vi è soprattutto la storia della teologia antica, particolarmente Ireneo e Ilario, e i sentieri antichi e moderni della teologia trinitaria, come, ad esempio, la riflessione di Karl Rahner. Nel 2008 cessa l’attività accademica diretta quando viene nominato da Benedetto XVI segretario della Congregazione per la dottrina della fede.

Print Friendly

Comments

comments