Mentre proseguono i sopralluoghi tecnici in tutto il territorio diocesano e si cerca di provvedere al meglio all’emergenza sfollati, rimangono attualmente chiuse, per inagibilità verificata o misure di sicurezza adottate per precauzione, le chiese del Centro storico di Macerata. L’unico punto di riferimento sostanzialmente aperto rimane la piccola basilica della Mater Misericordiae.

Domani, domenica 6 novembre, la Santa Messa come riferisce il vescovo Nazzareno Marconi «verrà celebrata alle ore 12 non ai giardini Diaz, considerate le condizioni meteorologiche non favorevoli, ma presso l’Aula sinodale», in questi giorni polo di accoglienza per le persone in difficoltà e, unica struttura antisismica presente in Diocesi, luogo scelto per cause di forza maggiore per la chiusura dell’Anno Santo della Misericordia, domenica 13 novembre.

Print Friendly

Comments

comments