Padre Luciano Genga
Padre Luciano Genga

Nella giornata del 31 ottobre presso il Santuario del Santissimo Crocifisso di Treia si celebrerà la festa di Ognissanti. Un appuntamento che giunge, seppur programmato con largo anticipo, a pochi giorni dalle scosse del 26 ottobre che, con la loro intensità, hanno riportato nel panico il Centro Italia e, in particolare, stavolta, il Maceratese (leggi qui l’articolo). Lo scorso agosto il Santuario, caro a tutta la comunità treiese e “dimora” dell’ordine dei frati minori, è stato reso inagibile dopo il terremoto (leggi qui l’articolo). Una condizione aggravata in modo ancora maggiore dall’ultimo sciame sismico, come spiega, intervistato per i media diocesani, padre Luciano Genga.

santuarioPadre Luciano qual è la situazione attuale al Santuario?
Con al seconda scossa delle 21, mercoledì si sono verificati ulteriori distacchi all’interno della chiesa, come già avvenuto in precedenza. Abbiamo fatto delle verifiche ma la chiesa rimane, come già era, inagibile, con l’intonaco della cupola ora completamente caduto a terra.

14657377_1715326855453233_1349698686864191507_nIl terremoto, tuttavia, non fermerà la Festa dei Santi…
Finché c’è vita c’è speranza, e questa speranza che ci viene da nostro Signore la vogliamo coltivare e continuare al di là delle comprensibili paure e dei disagi che il terremoto crea. Il convento è comunque agibile e, domenica scorsa, abbiamo inagurato il tendone che ci consentirà di celebrare la Messa e lunedì sera la Festa dei Santi.

In occasioni particolari come queste e di fronte alle avversità della società odierna perché è ancora importante pregare i nostri Santi?
Ci sono motivazioni religiose, ovviamente, ma anche culturali. La festa di Halloween, ad esempio, non ci appartiene e non fa parte della nostra tradizione europea cristiana. I Santi sono colore che hanno cercato di seguire da vicino i dettami del Signore: noi cristiani siamo chiamati ad affidarci a loro e alla speranza del Vangelo.

Ascolta l’intervista completa:

Print Friendly

Comments

comments