Il paese del vescovo Nazzareno Marconi, anche per quest’anno, il 31 ottobre, si illumina per la 3° edizione della Festa della Luce. L’iniziativa – che per il 2016 gode anche del patrocinio della Regione Umbria, oltre a quello del comune di Citerna e della diocesi di Città di Castello – è nata dal desiderio di far conoscere e mantenere vive nelle nuove generazioni le nostre radici e tradizioni cristiane.

048Tutto parte nel 2012 da un’idea di Valentina Martinelli per proporre ai più piccoli una serata dedicata ai Santi e non a personaggi del mondo anglosassone o americano di Halloween. Ma come presentarli, farli conoscere e apprezzare? Il primo anno è stato ideato un «Mercante in fiera dei Santi»: il mercante animava le vite di queste figure straordinarie, e i bambini spesso non conoscendone le storie, rimanevano affascinati ed incuriositi.

L’anno seguente la proposta è stata estesa all’intera città, organizzando in un teatro di Città di Castello, un pomeriggio di giochi a tema chiamato «Paradise Party», in cui i piccoli erano vestiti da Santi o creature celestiali. Grandi e piccini hanno partecipato con tale entusiasmo da spingere a qualcosa che coinvolgesse tutti i luoghi appartenenti alla Diocesi e quelli limitrofi. Quale luogo migliore di Citerna poteva ospitare un progetto simile?
La sua ricchezza artistica e paesaggistica, infatti, costituisce lo scenario ideale per un evento unico nel suo genere, che valorizza la bellezza in tutte le sue sfaccettature, portando quello splendore di luce in un mondo in cui spesso regna tristezza e solitudine.

Nasce così, dunque, l’evento chiamato Festa della Luce, per valorizzare tematiche a sfondo umanitario e positivo, legate alla tradizione dei Santi, figure da definire i veri “supereroi” dell’umanità, in quanto nonostante le controversie, le povertà e le difficoltà della vita non hanno esitato a donare la propria esistenza a servizio degli altri e del bene comune.
Quest’anno la festa (nel sito è consultabile il programma completo) celebra la «Fantasia», come frutto di un’illuminazione divina. In un’atmosfera mistica e sognante la suggestiva Citerna dalle ore 15, sarà la città oltre l’arcobaleno, dove ogni volto dell’arte (danza, teatro, arti circensi, musica, pittura, scultura e molto altro) prenderà vita. I Santi visionari saranno i reali protagonisti: questo non perché le visioni siano fantasie, ma perchè appartenenti a quella sfera invisibile percepibile solo con gli occhi del cuore. Alle ore 16, nel borgo, si apriranno laboratori in cui i bambini potranno cimentarsi in vari modi. Previsti, poi, concerti con coreografie danzate lungo il paese, spettacoli di danza, sand art, performance aeree ed equilibrismo.

021La compagnia I Buoni Ladroni presenterà inoltre uno spettacolo itinerante dal titolo «Il Grande e Potente Signore dell’Est», durante il quale interverranno santi e beati a raccontare un po’ della loro vita. Per tutti i bimbi sono state create delle apposite ali da indossare, per far in modo che una schiera di angeli riempia il paese.

L’invito, dunque, è quello di abbracciare questo viaggio a cui tante persone di buona volontà collaborano per la piena riuscita. Un viaggio carico di letizia, bellezza e spiritualità, che lo scorso anno raccolse nel borgo ben 5mila visitatori. D’altronde, come sosteneva Einstein, se è vero che «la logica vi porterà da A a B, l’immaginazione vi porterà dappertutto».

Massimo Marconi

059
Una delle scorse edizioni della Festa della Luce a Citerna
Print Friendly

Comments

comments