Piccoli alunni alla scoperta del patrimonio culturale della città

Trantaquattro bambini di 5 anni della Scuola dell’Infanzia “D. Alighieri” dell’I.C. “E. Paladini” di Treia hanno fatto visita agli uffici comunali

0
144

I bambini come inviati speciali ad esplorare le tante tappe della vita di Treia fuori dalla scuola. Giovedì 13 ottobre, come è oramai tradizione da alcuni anni, 34 bambini di 5 anni della Scuola dell’Infanzia “D. Alighieri” dell’I.C. “E. Paladini” di Treia hanno fatto visita agli uffici comunali. La visita è inserita all’interno del percorso di Educazione al patrimonio culturale e didattica museale inserito nel Poft 2016/19.

La prima tappa è stata presso gli uffici demografici, dove i bambini hanno potuto apprendere che tutte le persone che vivono all’interno del territorio comunale sono iscritte nell’anagrafe, ufficio che poi provvede anche al rilascio di numerosi documenti utili nella vita quotidiana; che per tutti i bambini che nascono viene formato l’atto di nascita, per tutte le coppie che si sono sposate esiste l’atto di matrimonio e che altri eventi rilevanti della vita di ogni persona vengono registrati dall’ufficio di stato civile. L’attenzione e il vivo interesse che i bambini hanno dimostrato testimonia come fin da piccoli si può e ci si dovrebbe avvicinare alle istituzioni. Al termine della visita essi hanno ricevuto in dono una copia del loro certificato di nascita. I bambini, a loro volta, hanno fatto dono di un bellissimo libricino realizzato a modo loro.

img-20161017-wa0002
Il vice sindaco Edy Castellani con alcuni dei bambini in visita a Treia

La visita è proseguita nell’ufficio del Sindaco, nella Sala giunta ed ha avuto termine presso la sala consiliare. Ad attenderli c’erano il vice sindaco Edi Castellani. In ognuno di tali contesti sono stati illustrati ai bimbi il ruolo e i compiti svolti da ciascuno di questi organi, il tutto con termini semplici e comprensibili, ma utili a far capire la funzione importante svolta dal comune per i cittadini. I bambini hanno fatto tante domande e, mentre cantavano l’Inno d’Italia, hanno donato una raccolta di elaborati grafici da loro realizzati su “Ciò che ci piace di Treia”. Un momento di grande simpatia ed emozione è stato quando è stato mostrato ai bambini il bracciale, uno dei simboli della Città, che i bambini hanno dimostrato di conoscere benissimo.

Il percorso è proseguito nella mattinata del 17 ottobre con la visita dei bambini al Museo civico archeologico, terminando con un laboratorio presso l’Aula Multimediale del Museo Archeologico, utilizzando il grande gioco didattico già utilizzato in occasione della Giornata delle Famiglie al Museo. A fine percorso, la documentazione individuale con elaborati grafici e reportage fotografico sarà raccolta e fatta conoscere a tutti i genitori.

Print Friendly

Comments

comments