È disponibile dal 2 aprile 2015 l’App CEI-Liturgia delle Ore, applicazione per smartphone che offre la possibilità di pregare con l’aiuto delle moderne tecnologie ICT. Questa novità, che ha ormai un anno e mezzo di vita, nasce per offrire a tutti coloro che desiderano unirsi alla lode della Chiesa attraverso l’Ufficio Divino, ma sono impossibilitati a partecipare alla celebrazione comunitaria, uno strumento per la preghiera liturgica personale.

L’interessante e innovativo progetto, che fa capo all’Ufficio Liturgico Nazionale della CEI, consiste nella disponibilità della liturgia delle Ore del giorno con tutti i testi letti e cantati su dispositivi smartphone e tablet, sia iOS che Android. L’applicazione, disponibile sia su App store per iPhone, iPad, iPod Touch, sia su Google Play per Android, Windows Phone 7, Blackberry, versione mobile, widget, offre la possibilità di scaricare i testi liturgici fino a 15 giorni per l’utilizzo offline.

Diverse le parti eseguite in canto: i n.271-274 dei Principi e norme per la Liturgia della Ore, sono stati il filo guida per la scelta di quali di queste fossero da prendere in considerazioni:

Prima di tutto conviene che si ricorra al canto almeno nelle domeniche e nelle feste, ponendo così in risalto, nella misura in cui si adotta, i vari gradi di solennità. (n. 271 PNLO)

Così pure, poiché non tutte le ore sono della medesima importanza, conviene che anche mediante il canto si dia maggior rilievo a quelle che sono veramente i cardini dell’Ufficio, cioè le Lodi mattutine e i Vespri. (n. 272 PNLO)

Moltissime parti cantate sono state composte appositamente grazie alla collaborazione con musicisti di fama internazionale che si sono resi disponibili ad affrontare una vera e propria sfida. Un lavoro preparatorio veramente impegnativo che però ha incontrato un grande successo in termini di download, ma soprattutto di gradimento.

Le moltissime richieste pervenute affinché vengano messe a disposizione le partiture musicali utilizzate, hanno fatto sì che l’Ufficio Liturgico Nazionale della CEI si stia muovendo nella direzione della pubblicazione dei relativi sussidi. Presto saremo in grado di dare aggiornamenti e ulteriori notizie su quest’ultima novità.

Print Friendly

Comments

comments

CONDIVIDI
Articolo precedenteSanto Stefano, il servizio del Centro odontoiatrico
Prossimo articoloDa Tolentino 1.315 euro per Arcquata
Sono nato nel 1970. Oltre agli studi musicali presso il Conservatorio Statale di Musica "G.Rossini" di Pesaro e alla laurea in ingegneria, ho conseguito i diplomi al Co.Per.Li.M. e al corso biennale "Giovanni Maria Rossi" per direttore di coro liturgico della Conferenza Episcopale Italiana. Collaboro con la Sezione Musica per la Liturgia dell'Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana. Sono docente dei corsi di Musica Liturgica On Line e del COPERLIM. Sono vicedirettore dell'Ufficio Liturgico della Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia. Dal 1993 sono maestro direttore della Cappella Musicale della Cattedrale di Macerata.