Lotta alle dipendenze, la nuova frontiera della stimolazione magnetica

Il commento di Vincenzo Aliotta, fondatore del Centro San Nicola e direttore generale di Villa Silvia

0
221

«Abbiamo raggiunto una nuova frontiera della ricerca, introducendo, per la prima volta in questa regione, una vera e propria rivoluzione tecnologica nell’approccio di cura delle persone affette da patologie psichiatriche e dipendenze patologiche, confermando livelli di eccellenza che rendono la nostra struttura unica e all’avanguardia in tutta Europa». Queste le parole di Vincenzo Aliotta, fondatore del Centro San Nicola e direttore generale di Villa Silvia, teatro, lunedì 26 settembre del convegno a Senigallia sul tema della Stimolazione Magnetica Transcranica Profonda Ripetitiva (rTMS-d) (leggi qui l’articolo).

«Si tratta della stimolazione magnetica transcranica profonda ripetitiva (rTMS-d) che trova applicazione anche nel campo del recupero dalle dipendenze da sostanze e comportamentali offrendo un sostegno concreto a chi soffre di ludopatia, tossicodipendenza, alcolismo e sex addiction – ha aggiunto Aliotta -, una svolta metodologica che necessità di professionalità di alto profilo come quelle che possiamo mettere in campo a Villa Silvia e al Centro San Nicola, entrambe capaci di mettere a punto piani di cura che coniugano la qualità al costante aggiornamento delle terapie. Sono questi gli ingredienti che ci consentono di essere un punto di riferimento insostituibile nel nostro territorio e una delle realtà più conosciute e preparate del vecchio Continente».

Ascolta le interviste raccolte da Luigi Taliani:

Print Friendly

Comments

comments