Impulsi magnetici, nuova frontiera contro le patologie psichiatriche e le dipendenze

La Casa di Cura Villa Silvia e il Centro di Post-Cura San Nicola, centri d'eccellenza a livello nazionale ed europeo per la cura delle patologie psichiatriche e delle dipendenze, introducono sul territorio marchigiano l'innovativa tecnologia di Stimolazione Magnetica Transcranica Profonda Ripetitiva (rTMS-d)

0
233

foto_strumentazione_7Nelle attuali società sviluppate, la diffusione della patologia depressiva ha un’incidenza che può variare dal 5% al 15% della popolazione. Di frequente, tale patologia conduce o si collega direttamente a comportamenti nocivi, come ad esempio l’abuso di sostanze (cocaina, alcol) o altre dipendenze di tipo comportamentale (ludopatia, sex addiction), andando così a configurare una situazione clinica inquadrata con la moderna definizione di “doppia diagnosi”: una pericolosa combinazione tra disturbi di origine psichiatrica e dipendenze.

Dalla Casa di Cura Villa Silvia (a Senigallia) e dal Centro di Post-Cura San Nicola (Piticchio di Arcevia), già poli d’eccellenza nell’ambito del trattamento delle dipendenze e delle patologie psichiatriche, arriva una nuova risposta all’esigenza di intervenire con efficacia sempre maggiore a supporto dei pazienti affetti da tali disturbi, tramite l’adozione della tecnologia di Stimolazione Magnetica Transcranica Profonda Ripetitiva (rTMS-d). Un’innovativa strumentazione medica, questa, che, attraverso uno stimolatore a campo magnetico non invasivo, consente di agire direttamente sui meccanismi neuronali del paziente, consentendo di ottenere risultati non alla portata delle normali terapie farmacologiche e psicologiche più comunemente utilizzate in questo campo.

foto_strumentazione_3La depressione di lungo corso, o l’esposizione prolungata agli abusi di sostanze, possono infatti condurre a significative alterazioni funzionali del cervello, inibendo, ad esempio, nei pazienti la naturale produzione di sostanze come la dopamina (il “neurotrasmettitore della soddisfazione”) e ostacolando il corretto funzionamento neuronale. Fattori fisiologici, questi, contro i quali i normali approcci terapeutici di natura psichiatrica e psicologica hanno un potenziale di efficacia ridotto. Tramite la stimolazione localizzata e ripetuta delle aree cerebrali interessate, realizzata attraverso la tecnologia rTMS-d, è invece possibile andare a riattivare direttamente le zone del cervello precedentemente “danneggiate”, producendo notevoli risultati nell’ambito della cura di un ampio raggio di patologie psichiatriche o fisiologiche, come la depressione, i disturbi bipolare e ossessivo-compulsivo, lo stress post-traumatico, l’autismo, la sindrome di Asperger, la malattia di Alzheimer e la sclerosi multipla.

foto_strumentazione_2Il tutto avviene tramite un procedimento non invasivo e non doloroso per il paziente, che indossa semplicemente uno stimolatore magnetico a contatto e si sottopone a brevi sedute di pochi minuti, le quali, ripetute nel tempo, producono un costante miglioramento dei fattori neurologici che sono, al contempo, origine e conseguenza dei disturbi comportamentali e psichiatrici trattati. Con l’inclusione della tecnologia di Stimolazione Magnetica Transcranica Profonda Ripetitiva (rTMS-d) nel contesto del proprio quadro terapeutico e strumentale, la Casa di Cura Villa Silvia e il Centro di Post-Cura San Nicola avviano, dunque, un’ambiziosa opera di estensione ed arricchimento della propria offerta terapeutica, con l’obiettivo di restare all’avanguardia, a livello nazionale ed europeo, nel campo medico della lotta contro le patologie psichiatriche e le dipendenze.

Print Friendly

Comments

comments