«Padre Matteo Ricci a Venezia. La ragione di un ponte Italia Cina». A pochi giorni dall’anniversario della sua nascita, avvenuta il 6 ottobre 1552 a Macerata, proseguono nel Veneto le iniziative promosse in omaggio all’illustre concittadino gesuita Li Madou, stavolta con l’inaugurazione di una mostra organizzata grazie al contributo della Scuola Grande di San Marco di Venezia e dell’Ulss 12: l’iniziativa, oltre a quello, ovviamente, del Patriarcato di Venezia, vanta anche il patrocinio della Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia.

locandina-veneziaAllestita presso la Sala delle Colonne, da domani, martedì 27 settembre, fino a venerdì 4 novembre sarà dunque possibile ammirare un’esposizione in cui, come già si evince dal titolo e come spiegano gli organizzatori, si intende mettere in luce «l’esigenza di un ritorno ai princìpi fondamentali del grande missionario marchigiano, anche nei quotidiani rapporti tra i nostri due Paesi» e, soprattutto, nell’ottica di una «maggiore comprensione reciproca delle culture occidentale e orientale».

Ora più che mai, difatti, si fa urgente la necessità di comprendere in che misura poter consolidare il legame tra la Cina e l’Italia, rileggendo e reinterpretando il lavoro svolto al tempo dal nostro evangelizzatore e, «proprio sulla via della ragione, cercare un punto di incontro agevolando il lavoro di tutti coloro che stanno in tal senso operando anche sul vasto continente cinese».

Senza dubbio alcuno, Venezia come sede culturale molto apprezzata dai cinesi che la vivono nelle sue molteplici dimensioni artistiche, ben si presta a questo lavoro: inoltre,
esistono autorevoli Atenei che mantengono rapporti quotidiani con le controparti cinesi e, in tal senso, è possibile affermare che continua e cerca di fortificarsi quel “dialogo” allora avviato e sostenuto da padre Matteo Ricci attraverso una mirabile opera di paziente e approfondita dedizione con e tra il popolo mandarino.

venezia_-_ospedale_-_foto_g-_dallorto_2_lug_2006_-_03

«Questa mostra – aggiungono i responsabili organizzativi – costituisce un inedito in questo angolo del Triveneto e porterà con se la ricca bibliografia sulla vita del gesuita Ricci».

20150723-matteo-ricci-opera-pechino-veronaAl book shop sarà poi possibile trovare i libri curati da padre Gianni Criveller, del Pime e «Il catechismo. Il vero significato del Signore del Cielo», l’ultimo testo tradotto alcuni anni fa per la prima volta dal cinese all’italiano grazie all’impegno dei maceratesi padre Antonio Olmi, dell’Università Teologica dell’Emilia Romagna, e padre Giovanni Battista Sun, vice direttore del Centro Studi Li Madou.

Anche di questo si parlerà nella conferenza in programma per martedì 25 ottobre nella appena restaurata Sala degli Angeli, sempre presso la Scuola Grande di San Marco. All’incontro, oltre a padre Olmi, interverrà anche monsignor Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e vescovo emerito della Diocesi maceratese.

Per l’occasione sarà anche presentato il libro, fresco di stampa, «Il Castello della Memoria», fresco di stampa a cura di Chiara Piccinini.

s_g_s_m_02

Print Friendly

Comments

comments