Le Marche al Salone del Gusto di Torino

L’assessore Casini: «Una vetrina eccezionale e un unico intento: voler bene alla terra»

0
205

Si apre a Torino, oggi giovedì 22 settembre, Terra Madre Salone del Gusto, il più importante evento internazionale dedicato alla cultura del cibo, organizzato da Slow Food Italia al quale la Regione Marche partecipa con un proprio stand e un nutrito programma di iniziative. Il tema di questa edizione, in cui si celebrano i 20 anni dalla nascita del Salone internazionale del Gusto e i 30 anni di attività di Slow Food in Italia è “Voler bene alla Terra”. Tante le novità. Per la prima volta infatti, l’evento si sposta nel cuore di Torino, uscendo dal polo fieristico, per le strade, nelle piazze, nei parchi e lungo il fiume, nei palazzi storici e nei teatri, nei musei e nelle residenze reali e, la Regione Marche, in collaborazione con Slow Food Marche è presente con uno stand in piazza Castello.

«Cinquantasette nuovi presìdi a un esercito di 7mila contadini, produttori, chef e attivisti arrivati da 143 paesi nel mondo popolano questa eccezionale vetrina a cui le Marche non potevano mancare – afferma l’assessore all’Agricoltura Anna Casini -. Il tema scelto per questa edizione del Salone del Gusto è “Voler bene alla terra”, un richiamo a cui la Regione Marche è particolarmente sensibile. Il sostegno a chi coltiva e custodisce l’ambiente si concretizza nei circa 35 bandi già emanati per 200 milioni di euro di risorse impegnate su un totale di 538 milioni stanziati dal Psr Marche 2014-2020. Una cifra importante per la nostra economia, che vogliamo spendere a favore della competitività delle aziende agricole e delle filiere alimentari, della tutela delle risorse ambientali e degli ecosistemi, dell’adattamento al cambiamento climatico, dello sviluppo economico delle aree rurali. Non solo. La massima attenzione viene dedicata anche all’agricoltura biologica, settore in netta crescita, alla biodiversità e al legame tra prodotto e territorio. In pratica – conclude Casini – sono gli stessi temi che verranno trattati in questi giorni al Salone del Gusto. Una coincidenza di intenti e prospettive che, sono sicura, porterà nuovi progetti e collaborazioni».

 

Print Friendly

Comments

comments