Avis Tolentino, da 63 anni «visibili» e capaci di far fronte alle emergenze

Domenica 25 settembre, dalle 8.30, in piazza della Libertà avrà luogo la Festa del Donatore

0
231

«L’Avis deve essere visibile». Potremmo dire che le braccia, e non le mani, in questo caso devono sapere e far sapere al prossimo quanto è importante compiere un gesto di volontariato qual è la donazione del sangue. Lo afferma la presidente dell’Avis di Tolentino, Ivana Ciucci, alla vigilia di un appuntamento importante che avrà luogo domenica 25 settembre: la 63ª Festa del Donatore.

«I donatori sono la cosa più importante della nostra Associazione – continua la Ciucci -, più sono giovani e più riusciranno a offrire un lungo periodo di servizio (con il nuovo statuto si può donare dai 18 ai 70 anni, ndr.), ma ovviamente non dobbiamo trascurare anche chi inizia a un’età più matura». Per la presidente, infatti, più è ampia la “platea”, più è possibile far fronte a eventuali emergenze, come nel caso delle ore successive al terremoto del Centro Italia, il 24 agosto scorso.

Ivana Ciucci
A destra la presidente Avis Tolentino Ivana Ciucci

«Grazie alla collaborazione di tutti» e allo spirito di sacrificio di chi non ha negato di “porgere il braccio” anche nei momenti più difficili, l’Avis Tolentino spegnerà la sue 63 candeline con un obiettivo preciso: «Bisogna fare sempre di più». «Domenica sarà un momento di festa – aggiunge la presidente Ciucci -, dove non mancheranno la preghiera, grazie alla Messa celebrata da un nostro donatore, don Sergio Fraticelli, parroco della chiesa dello Spirito Santo nostro donatore; e momenti di convivialità, con il pranzo sociale assembleare. L’importante è essere “visibili”, in modo tale da suscitare la curiosità di chi non è ancora donatore ma potrebbe cogliere l’occasione per diventarlo».

L’unione tra giovani e donatori “anziani” (per la durata del loro servizio) è uno dei punti di forza dell’Avis di Tolentino. Un’Associazione che può vantare oltre 100 donazioni in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, che ha ringiovanito per il quadriennio 2015-2019 il proprio Consiglio direttivo e che, durante la Festa, premierà alcuni soci benemeriti: un totale di 186 riconoscimenti con ben 2 medaglie di diamante (oltre le 120 donazioni raggiunte).

Questo il programma della giornata con raduno in piazza della Libertà alla ore 8.30:

  • ore 9.30, celebrazione della Messa all’aperto in piazza officiata da don Sergio Fraticelli;
  • ore 10.15, corteo per le vie cittadine con la Banda Musicale dell’Associazione “N. Gabrielli – Città di Tolentino” e deposizione corone di alloro al Monumento Avis in Via della Pace e alla Lapide “Ai caduti di tutte le guerre” in piazza della Libertà;
  • ore 11, cerimonia di premiazione dei Donatori benemeriti presso la Biblioteca Filelfica e saluto del Presidente e Autorità presenti;
  • ore 13, pranzo sociale assembleare presso il ristorante “Bellini” di Tolentino.
avis3
Un’immagine della Festa del Donatore del 2015 in piazza della Libertà a Tolentino
Print Friendly

Comments

comments