Il 15 e il 16 settembre l’Università di Macerata diventa luogo di incontro e confronto tra i principali attori internazionali del turismo sostenibile nell’area della Macroregione Adriatico Ionica. Si svolgerà in quei giorni il workshop “Migliorare il turismo sostenibile nella regione Adriatico-Ionica. Il ruolo delle Università e dei partenariati pubblico-privati” (Enhancing Sustainable Tourism in Adriatic-Ionian Region. The role of Universities and Public-Private Partnerships) con il patrocinio di Ministero per i Beni e le attività culturali, Regione Marche, Ambasciate di Bosnia-Erzegovina, Croazia, Grecia, Serbia e Slovenia.

La conferenza prevede tavoli tematici e opportunità di collaborazione per le aziende innovative nell’ambito del turismo e delle industrie culturali e creative. Il convegno sarà aperto il 15 settembre alle 10 nell’Aula Magna dell’Ateneo da una tavola rotonda che coinvolgerà gli attori istituzionali: rappresentanze diplomatiche, ministeri, organi della governance della Macroregione, autorità regionali. Il programma completo è disponibile al seguente link: www.unimc.it.

macroregione
Una mappa della Macroregione Adriatico-ionica

Saranno oltre 100 i relatori per sette Paesi coinvolti (Italia, Croazia, Grecia, Slovenia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Serbia), cinque sezioni di dibattito scientifico e altrettanti focus sulle start up, il turismo rurale, i progetti europei in corso e sul caso Tipicità. I numeri danno solo un’idea della portata di un evento che fa della “co-creazione” la sua parola d’ordine. La contemporanea presenza di ricercatori, rappresentanti di enti territoriali, come l’Associazione Gal Marche (Gruppi di Azione Locale), e di start up innovative nel settore delle industrie culturali e creative permetterà di studiare possibili consorzi in vista di futuri bandi europei. Si illustreranno le strategie per la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale; le politiche del turismo e l’impiego delle tecnologie informatiche per la comunicazione; il turismo marittimo e costiero e le possibilità di coinvolgimento dei parchi naturali interni; i processi partecipativi nel management e nel turismo culturale, attraverso esempi come il caso di Matera, proclamata capitale della cultura per il 2019, o i progetti per ripensare Recanati come un museo all’aperto; la valorizzazione di parchi archeologici e musei, anche attraverso la digitalizzazione del patrimonio culturale.

Per l’occasione saranno presentati importanti progetti di ricerca finanziati a livello europeo: WellFood, seguito, tra gli altri, dalla Camera di Commercio di Macerata e dalla Regione Marche nell’ambito del programma di Cooperazione Transfrontaliero IPA Adriatico, si prefigge di mappare i prodotti tipici da un punto di vista sensoriale, creando poi un’app per renderli fruibili ai turisti; Alhtour, di cui è capofila Unimc, è incentrato sulle tecnologie applicate al turismo sostenibile per gli anziani.

Print Friendly

Comments

comments