Gremita di fedeli ieri sera, 8 settembre, la chiesa di Greppalto di Citerna, per la celebrazione organizzata dalla Confraternita di Maria SS. Del Carmelo in Greppalto, in occasione del ritorno del quadro della Madonna dopo i lavori di restauro. A presiedere la Celebrazione eucaristica è stato monsignor Nazzareno Marconi, attuale vescovo della Diocesi di Macerata, da sempre legato alla Madonna di Greppalto. Presente anche il sindaco di Citerna, Giuliana Falaschi.

dscn0491Nell’omelia monsignor Marconi, dopo aver fatto un breve excursus sulla storia della confraternita – mettendo in rilievo che la stessa è stata creata nel 1600, dunque è una delle più antiche del territorio, e sta lavorando in aiuto alla parrocchia ormai da quattro secoli – ha narrato la storia del dipinto, e delle opere effettuate per riportarlo alla luce, mettendo in evidenza come il dipinto stesso (datato intorno ai primi del 1800), copia dell’originale affresco del 1500-1600 circa, debba ricordarci l’umiltà, la nostra storia e la nostra fede.

Don Nazzareno poi aggiunto che «il creatore dell’opera, originario di Monterchi, visto che l’affresco col passare dei secoli stava ormai scomparendo, non ha fatto un’opera nuova e sua, ma ha rifatto una copia dell’originale, tanto amato dai suoi fedeli, dimostrando così una profonda umiltà, non ha inventato niente ma si è limitato a rifare una Madonna alla quale erano devoti e affezionati i fedeli di Citerna».

Questo, ha continuato don Nazzareno, ci dimostra che la nostra fede non deve cambiare nel tempo, ma col tempo si sporca e scompare, ed ogni tanto ha bisogno di una bella pulita per tornare al suo splendore. Al termine della celebrazione, il parroco di Citerna, don Paolo Martinelli, ha poi ringraziato la Confraternita per il lavoro svolto, sottolineando che la stessa è un braccio della parrocchia, importante e sempre presente nella vita della stessa.

Il vescovo di Macerata assieme ai suoi familiari
Il vescovo di Macerata assieme ai suoi familiari

Quindi, un grazie alla «Famiglia della Carità» che si occupa della gestione della chiesa di Greppalto e dell’accoglienza dei fedeli che desiderano andare a pregare davanti alla Vergine. La serata è poi proseguita nei locali degli Ammassi del comune di Citerna, dove è stato presentato dal Sindaco il nuovo opuscolo turistico su Citerna: il testo è stato creato sulla base degli scritti di monsignor Marconi all’epoca in cui era parroco del paese.

Un momento della serata a Citerna con don Nazzareno Marconi e il sindaco Falaschi
Un momento della serata a Citerna con don Nazzareno Marconi e il sindaco Falaschi

Nazzareno Marconi ha dunque messo in evidenza che fare scritti turistici semplici ma in grado di far capire alla gente le bellezze del nostro borgo è «un’eredità di famiglia»: lo zio don Edoardo, infatti, aveva curato un piccolo libretto turistico del quale erano poi state stampate tre versioni.

La serata è terminata con una cena conviviale fra i sostenitori della Confraternita, a ricordare ai tanti presenti la bellezza di stare insieme, in semplicità ed allegria.

Massimo Marconi

Print Friendly

Comments

comments